Dischi Daniele Celona e Bruno Mezzacapa D’elia presentano SHINIGAMI

feat. Pierpaolo Capovilla

daniele_celona_e_bruno_mezzacapa_d_elia_presentano_shinigami_dischi
Condividi

Dopo un anno di assenza dalle scene, Daniele Celona torna con Shinigami, una preziosa preview per la regia di Bruno “Mezzacapa” D’elia del nuovo progetto Abissi Tascabili in uscita il prossimo ottobre.

 

Non una canzone e non un ritorno discografico ma una vera e propria graphic novel animata, ricca di atmosfere surreali vicine al mondo manga/anime nipponico. In ogni scena la guerra interiore di un giovane uomo perso in una Torino onirica e tridimensionale fatta di chitarre, desideri nascosti e anime tormentate. A vegliare su questa umanità alla deriva, tra la Mole e il fiume Po, c’è lo Shinigami, dio della morte giapponese che plana tra i protagonisti pronto a riscuotere la loro stessa vita. Il cortometraggio, in bilico tra film d’animazione e videogioco, ripercorre le circostanze che porteranno al primo incontro dei protagonisti, Marco e Chiara, con il loro Shinigami fino ad un epilogo inaspettato che finale non è: “Bravi, ma non finisce qui!”. 

 

Se nella figura del narratore si riconosce Daniele Celona, il personaggio feroce e tagliente dello Shinigami viene affidato alla voce di Pierpaolo Capovilla: “Dopo aver scritto il brano, ho subito pensato a un possibile coinvolgimento di Pierpaolo. Le sue qualità ed il registro grave, sboccato e violento, che avevo conosciuto e apprezzato dopo averlo accompagnato al pianoforte in alcuni reading, erano perfetti per dar corpo al climax centrale del brano”. 

 

Visioni, colori, immagini oniriche: Shinigami ha una firma inconfondibile, non nuova a Celona, quella di Bruno “Mezzacapa” D’elia, tra i registi più raffinati e ricercati della scena musicale attuale. Diverse le collaborazioni che si possono annoverare: da Samuele Bersani a Niccolò Fabi, da Max Gazzè a Daniele Silvestri, da Marta sui Tubi ad altre legate alla scena indie e non come Perturbazione, Nadàr Solo, Teatro degli Orrori, Il Disordine delle Cose, Lo Stato Sociale fino allo stesso Celona per il quale ha realizzato il video de La Colpa nel 2015.

 

La scelta di Shinigami come colonna sonora di questo video d’animazione nasce anch’essa da ragioni slegate da meccanismi discografici in senso stretto.

 

“Quando Bruno mi inviò le prime clip sperimentali su cui stava lavorando, rimasi a bocca aperta. Ero ancor più stupito del fatto che si trattasse di una tecnica 3D. Avevo ben presente dei precedenti come quelli dei video di Tiromancino o di Daniele Silvestri, ma in questo caso la fluidità di movimento e la vicinanza col mondo dei fumetti e dei videogiochi fu quanto mi conquistò da subito. Gli inviai il brano che ritenevo potesse sposarsi meglio con quelle immagini. Ero esaltato all’idea di realizzare un prodotto di animazione e di essere animato io stesso!”.

 

Lavorando su animazione classica, animazione 3D a tinte piatte e elementi di motion capture D’elia ha fornito a Celona il substrato perfetto per rappresentare in stile graphic novel una trama complessa e onirica come quella di Shinigami che pur pagando pegno a un masterpiece dell’animazione nipponica come Death Note, lo trasla in un contesto del tutto italiano e torinese, affrontando di petto l’aspetto dei problemi famigliari e dello sballo giovanile. 

 

Un lavoro ispirato e originale come conferma lo stesso D’elia: “Ho dovuto solo calarmi maggiormente nel mondo del manga giapponese, in particolare dei cult Death Note e Naruto di cui Daniele mi ha indicato alcuni personaggi chiave per sviluppare il nostro lavoro. Lo abbiamo sonorizzato come fosse un film: a un premontato abbiamo aggiunto la colonna sonora ponendo degli accenti su alcune scene dove servivano rumori d’ambiente mancanti nella canzone. È in qualche modo la canzone che accompagna il video e non viceversa”.   

 

Il duo Celona-D’elia ha lavorato al cortometraggio seminando numerosi riferimenti al mondo dei videogiochi per tributo agli anni’90 e alla “Generazione Playstation” ma anche agli artisti cresciuti negli anni’80 del NES e dei videogiochi a 16 bit.  Se con Sock it 2 Me Missy Elliott & Da Brat con la regia di Harold “Hype” Williams citano Mega Man in versione femminile, Eminem con Rap God per la regia di Rich Lee si rifà a Pong e a Portal e Björk con Hyperballad per la regia di Michel Gondry è lei stessa il personaggio di un videogioco a scorrimento orizzontale, Shinigami è omaggio al mondo registico dei voli dell’action -adventure di Assassin’s Creed e alle immagini di Persona 5, videogioco di genere JRPG e simulatore di vita, i cui Phantom Thieves rappresentano l’alter ego positivo di Shinigami.   

 

Shinigami, prodotto da The Goodness Factory  in collaborazione con Comicon Edizioni e SeeYouSound Music Film Experience, anticipa l’uscita di Abissi Tascabili, il terzo lavoro di Daniele Celona. 

 

 

 

 

 

 

Biografie 

 

Daniele Celona utilizza le canzoni per sezionare determinate dinamiche collettive, comprendere e denunciare derive e storture della realtà. Un processo iniziato con Fiori e Demoni (2012), disco d’esordio, portato live lungo tutto lo stivale con preziose condivisioni di palco tra cui Paolo Benvegnù, Umberto Maria Giardini e Teatro degli Orrori. Nel 2014 Celona è in tour come chitarrista e pianista con l’amica cantautrice Levante per il Manuale Distruzione Tour. Il 3 febbraio 2015 esce il secondo album Amantide Atlantide per NøeveRecords e Sony Music, anticipato da La Colpa, primo singolo ufficiale accompagnato dal videoclip di Bruno “Mezzacapa” D’elia. Chiude  l'album il prezioso feat. con Levante per il brano Atlantide. Un lavoro complesso che gira l'Italia con quattro formazioni, quella elettrica, quella elettroacustica, quella intimista di V Per Violoncelli Tour - che vede il cantautore accompagnato dai violoncelli di Bea Zanin e Chiara Di Benedetto - e l'inedito duo piano & sax con l'amico polistrumentista Marco Di Brino.

 

Bruno “Mezzacapa" D'Elia è nato il 29 aprile 1980 a Castellammare di Stabia in provincia di Napoli.  

Dopo il diploma all'ITSOS Albe Steiner di Milano, frequenta il dipartimento di comunicazione multimediale all'Accademia di Brera. Dal 2000 lavora nella post-produzione video, occupandosi prima di video-scenografie per il teatro e poi di Motiongraphics e Compositing sia per produzioni pubblicitarie e televisive che per video installazioni e multi proiezioni.

Dal 2011 si è trasferito in Sardegna dove ha iniziato la produzione di videoclip musicali per nomi come Marta Sui Tubi, Rita Pavone, Samuele Bersani, Fabi-Silvestri-Gazzè. 

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop