Torino News

TORINO, 20 January 2018

Varie Marco Belpoliti Chi sono i terroristi suicidi (Guanda) sabato 20 gennaio alle ore 18, il Circolo dei lettori Torino

con Mario Calabresi, direttore la Repubblica

Condividi
Indicazioni di contatto
IL CIRCOLO DEI LETTORI Torino
Via Conte Giambattista Bogino,9
Torino 
011 432 68 27  Link al sito  E-mail

 

Ci si può mettere nella testa di un giovane terrorista islamico e immaginare le ragioni che lo inducono a morire per uccidere? È ciò che prova a fare lo scrittore e saggista Marco Belpoliti, ripercorrendo gli ultimi terribili sedici anni, dall’epocale attacco alle Torri gemelle alle stragi che da allora si sono succedute, con l’attualissimo saggio Chi sono i terroristi suicidi (Guanda). Al Circolo dei lettori il dialogo è tra l’autore e Mario Calabresi, direttore di la Repubblica, sabato 20 gennaio, ore 18.

Domanda Marco Belpoliti: «Qualcuno ricorda il nome di Ahmad Al Mohammad, il suo viso, appena incorniciato da una barba rada, il bel volto di ragazzo? E Bifal Hadf, vent’anni, cappelli ricci e radi peli sul mento, chi è? E Mohammed Al Mahmoud, faccia triste nella foto, ma così giovane anche lui? E ancora: chi sa qualcosa di Ibrahim Abdeslam trentenne francese, barbetta e occhi scuri? O di Salah Abdeslam, volto tondo, sguardo ambiguo, di anni 26?». E la risposta è no.

E così Marco Belpoliti cerca di capire perché il martirio sia diventato un’attrattiva possibile per uomini e donne, o meglio, ragazzi e ragazze. È infatti la giovinezza uno dei brutali punti in comune degli attentatori, adolescenti manipolati dai predicatori più anziani, che li spingono a credere nella promessa del paradiso e a sacrificarsi per la causa della jihad islamica. Partendo da questo gesto estremo, il saggista cerca di inquadrare questo fenomeno traumatico, mettendo in gioco la letteratura (Camus, Houellebecq, Rushdie), la psicoanalisi, l’antropologia, dialogando con il lettore nello sforzo di comprendere ciò che per gli occidentali è incomprensibile: morire per un ideale religioso.

Con in esergo un versetto del Corano che recita “Guidaci sul cammino che sale, il cammino di coloro che tu avvicini, non quello di coloro che han suscitato il tuo sdegno né degli sviati”, il saggio così comincia: «Ogni volta che accade, lo sconcerto ci assale: perché lo fanno? Perché dei ragazzi di soli vent’anni compiono stragi efferate che prevedono l’evento ineluttabile della loro morte? Perché il terrorismo suicida? Una risposta certa non c’è, o almeno non una risposta immediata, semplice, che renda conto in modo chiaro di questa decisione, ammesso che sia davvero una decisione. Questo perché noi dubitiamo che un uomo o una donna sani di mente possano suicidarsi, se così si può dire». 

 

Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop