Cuneo News

CUNEO, 30 August 2018

Varie ATTRAVERSO FESTIVAL | dal 30 ago al 2 sett con Beppe Tosco, Felice Reggio, Giorgio Li Calzi, Paolo Crepet, Giovanni Nuti, Willie Peyote, Neri Marcorè

province di Cuneo, Alessandria e Asti

attraverso_festival_dal_30_ago_al_2_sett_con_beppe_tosco_felice_reggio_giorgio_li_calzi_paolo_crepet_giovanni_nuti_willie_peyote_neri_marcore_news_cuneo_cuneo_piemonte
  Willie Peyote
Condividi

ATTRAVERSO FESTIVAL |  annullato l'appuntamento di NOVELLO

In giornata è infatti arrivata la notizia della scomparsa di uno dei figli del paese, un ragazzo di ventinove anni che stamattina è andato a lavorare fra le vigne e non è tornato a casa. 

La piccola comunità di Novello è sotto shock e per questo Attraverso Festival con l’amministrazione del paese guidata dal sindaco Roberto Passone hanno deciso di annullare tutti gli appuntamenti previsti domani, 1 settembre: Willy Peyote, Giovanni Nuti, Paolo Crepet. 

Informiamo il pubblico che ha già acquistato i biglietti in prevendita che potrà chiedere il rimborso entro il 30/09/2018 presso i punti di acquisto online e offline (per ogni informazione www.attraversofestival.it)

I concerti e gli incontri non saranno recuperati in altra data

www.attraversofestival.it



Secondo fine settimana di spettacoli per ATTRAVERSO FESTIVAL, con un fitto programma e molteplici percorsi legati alla storia e alle caratteristiche del Piemonte meridionale fra le province di Cuneo, Alessandria e Asti.

Un cammino che passa attraverso ventuno paesi e tre province nella cornice di un solo grande festival che si conferma anfitrione di un’esperienza unica tra paesaggio e spettacolo. Saranno protagoniste le ricchezze paesaggistiche e la cultura storica e sociale dei territori che ospitano la rassegna dove ogni appuntamento è stato pensato in armonia con il contesto che lo ospita.

 

Giovedì 30 Agosto 2018

CASTELNUOVO CALCEA (AT), Parco Artistico nel vigneto

Orme su la court, Fienile di Cascina La Court, Cantina Michele Chiarlo, ore 18, ingresso gratuito

BEPPE E FRANCESCO TOSCO

presentano il libro

Favola Splatter

Aperitivo con Barbera Orme e Cipressi di Michele Chiarlo

Il suo mestiere è scrivere testi per gli attori comici, oltre che per molti noti personaggi dello spettacolo (fra gli altri Enrico Bertolino, Ale e Franz, Luca e Paolo, Geppi Cucciari), in particolare, Beppe Tosco è da anni l'autore di fiducia di Luciana Littizzetto, con la quale ha tenuto per anni una trasmissione cult su Radio Deejay. Molto fortunata anche la sua carriera di autore di testi comici, tra cui Le zanzare sono tutte puttane e Scemo come tuo padre ma è con il romanzo Favola splatter scritto a quattro mani insieme al figlio Francesco che Beppe Tosco si accredita non solo come scrittore comico ma come autore di narrativa tout court, capace di raccontare la società contemporanea in modo solo apparentemente delirante e surreale, in realtà spietato, lucidissimo e molto originale.

Esilarante la trama: Gheorge Pop, criminale fuori norma, ha l'originale idea di recuperare dalle fogne cittadine la cocaina evacuata dai suoi consumatori, di ripulirla e di rimetterla in circolazione. Ma un temporale estivo sconvolge ogni piano e, quando si alza un vento fortissimo che sparge sopra Milano le tonnellate della nuova droga (la Little Virgin, che sta per Madunina) stipate nel deposito di Pop, la città impazzisce. Sniffando inconsapevolmente cocaina, la popolazione perde i freni inibitori e inizia una catena di violenze efferate, il cui effetto devastante è moltiplicato dai social, dai reality show e dai video virali. Un incubo di fronte al quale scende in campo uno strano trio formato da un comandante dei carabinieri e da due ragazzini in lotta per la s opravvivenza....

 

 

Venerdì 31 Agosto 2018

CANELLI (AT), Cortile dell’Enoteca, ore 21, ingresso gratuito

FELICE REGGIO dialoga con il direttore del TJF GIORGIO LI CALZI

in Chet Backer, una vita al limite nei 30 anni dalla morte

Filmati inediti selezionati da Felice Reggio

Durante l’evento degustazioni di vini locali

 

Nella serata che precede la Canelli Wine Run, la corsa non competitiva che anima le vie del borgo della cittadina monferrina nel tardo pomeriggio di Sabato 1 Settembre, Attraverso Festival arriva nel cortile dell'Enoteca di Canelli con la proiezione del film inedito Chet Backer, una vita al limite nei 30 anni dalla morte, omaggio di Felice Reggio al grande trombettista californiano, tra i più importanti trombettisti Jazz del secolo scorso. A commentarlo ci saranno oltre che lo stesso Reggio, che con Backer ha spesso suonato, anche Giorgio Li Calzi, altro importante trombettista italiano nonché direttore artistico dell’ultima fortunata edizione del Torino Jazz Festival.

In Italia il trombettista “Bakeriano” per eccellenza è senza dubbio Felice Reggio, che fin dal suo apparire sulla scena, nel 1987, ha praticamente dedicato la carriera a Chet, studiandone la sonorità, le sfumature e collegandosi ai suoi modi, al suo stile.

Nel video “CHET BAKER IN ITALY”, presentato al Festival, viene illustrata l’immagine di Chet Baker, attraverso un grande viaggio, nel suo lungo periodo di soggiorno in Italia, iniziando con filmati del Festival Jazz di Sanremo nel 1957, attraverso il cinema (come attore e musicista) con Mina e Celentano nel film Urlatori alla sbarra del 1960, con Mario Monicelli nel film L’audace Colpo dei Soliti Ignoti (con musiche di Piero Umiliani), nel 1963 per la regia di Nini Nasso Tromba Fredda, varie interviste, fino al 1987 anno in cui si ascolterà l’ultima, drammatica intervista concessa a Gegè Telesforo per il programma D.O.C di Rai Due.

Per finire non mancherà un po’ di musica dal vivo. Possibilità di degustazioni a cura dell’Enoteca di Canelli.

 

 

 

Sabato 1 settembre 2018

CANELLI (AT), Centro Storico, durante il giorno, ingresso gratuito

CANELLI WINE RUN - III edizione

In occasione della corsa non competitiva tra le vie del borgo, visite guidate con interventi

artistici di letture e musica nella cattedrale del vino Cantine Bosca

h. 19_concerto-aperitivo con Felice Reggio tra swing e jazz @ terrazza Relais Villa del Borgo

 

Capitale dell’Asti DOCG e meta turistica per le sue Cattedrali del Vino, Canelli torna a essere protagonista tra le vie del suo borgo e le storiche cantine sotterranee che percorrono il sottosuolo della città.

Per la terza edizione, Sabato 1 Settembre, torna infatti la Canelli Wine Run, la divertente corsa non competitiva di 5 km, da percorrere in una nuvola di colori e sapori del vino. Il prezioso nettare di Bacco investirà tutti i partecipanti, letteralmente “nebulizzati” da Barbera, Moscato, Rosato e Asti Spumante, distribuito dai cinque consorzi e dalle grandi cantine cittadine. E proprio nella Cantina Antica Bosca, a cura di Attraverso Festival, alcuni interventi artistici di musica con Ilaria Leccata, Sara Braccia e Pamela Pelaez, e letture con Paolo Tibaldi, arricchiranno nel corso di 3 appuntamenti speciali distribuiti lungo tutta la giornata, la già suggestiva visita tra le gallerie e i grandi saloni sotterranei.

Entrare nelle antiche cantine Bosca significa immergere i sensi in un ambiente magico, carico di mistero e memoria. Navate, deambulatori, transetti si aprono in grandi crociere come ad essere realmente in una Grande Cattedrale. Proprio qui nasce il nome di queste costruzioni ipogee che si susseguono come un grande serpente con stili diversi per tutto il sottosuolo di Canelli.

E poi, per finire bene la già ricca giornata, all’ora dell’aperitivo, il trombettista Felice Reggio, massimo cultore italiano di Chet Baker, si esibirà tra swing e Jazz, sulla terrazza del Relais Villa del Borgo.

Per iscriversi alla Canelli Wine Run: www.canelliwinerun.it  

Per prenotare la visita guidata a Cantina Bosca: www.bosca.it/cantine/ - sezione PRENOTA

Sabato 1 Settembre 2018

NOVELLO (CN), Centro Storico, dalle 18.30, ingresso 12 euro

UN PAESE, UN PALCOSCENICO

con PAOLO CREPET, GIOVANNI NUTI, WILLIE PEYOTE

 

Un paese nel cuore delle Langhe che diventa il palcoscenico per una festa speciale. Una serata in cui tematiche sociali, impegno, musica ed enogastronomia si incontrano, in omaggio all’importante ricorrenza dei 40 anni dalla Legge Basaglia che sancì la fine delle strutture manicomiali e che tutt’oggi, a quarant’anni dalla sua approvazione, pone l’Italia in un posizione d’avanguardia.

 

Si comincia alle 15.00 con il paese aperto ad ingresso gratuito con mercato artigianale, spazio bimbi e animazione teatrale, spuntini e aperitivi a cura di ristoratori, commercianti e Associazioni di Novello.

 

Ore 18.30 A quarant’anni dalla Legge Basaglia incontro con PAOLO CREPET

“Ero straordinariamente affascinato dalla sua potenza, dalla sua cultura. Un uomo che poteva buttare giù i muri, che non ho mai sentito pronunciare parole mediocri o banali, che mi ha insegnato a lottare...”.

Paolo Crepet ricorda così Franco Basaglia, quello che chiama il suo maestro. Con lui si è incamminato in un percorso professionale dalle mille contaminazioni culturali e umanistiche, in lui ha trovato un uomo pronto a fargli da guida proprio nel momento che lo vedeva concentrato a tracciare la svolta della psichiatria italiana, quella che ha cambiato il concetto di follia fino a generare la chiusura dei manicomi. Paolo Crepet e Franco Basaglia si sono conosciuti a Padova.

Basaglia - veneziano - era collega e amico di suo padre, Massimo Crepet, pioniere della medicina del lavoro e prorettore dell'ateneo padovano. Erano anni in cui l'Italia guardava con diffidenza a Basaglia, tendeva a liquidarlo con l'etichetta di “testa calda”, atteggiamento che non fu di Massimo Crepet, l'accademico che in un periodo di difficoltà gli ha aperto le porte della sua scuola di specializzazione in Medicina del Lavoro per dargli un rifugio.
Allora non era scontato che le idee dello psichiatra più discusso e creativo del novecento si sarebbero affermate, che la sua azione di rottura potesse divenire il progetto guida di un nuovo modo condiviso di rapportarsi alla malattia mentale, una legge dello Stato, la “180”. Di tutto ciò e partendo dunque da una fonte di primissima mano si parlerà a Novello, in occasione dei 40 anni della Legge Basaglia, un vero traguardo nel mondo della psichiatria.

 

 

 

Ore 20.30 GIOVANNI NUTI in Accarezzami musica. Il canzoniere di Alda Merini.

Accompagnato da due musicisti, Giovanni Nuti porta a Novello un omaggio alla poetessa dei Navigli, Alda Merini. Lo spettacolo, che prende il titolo dal primo verso di “Ape Regina”, una delle più note poesie di Alda Merini, raccoglie una scelta fra le più belle canzoni, ricordi, aneddoti, illuminazioni del sodalizio artistico, durato 16 anni, tra Giovanni Nuti e la poetessa. Già apprezzata in gioventù da Pasolini e Quasimodo (esordì giovanissima, a sedici anni, con la raccolta La presenza di Orfeo), dopo anni di oblio conseguenti al suo internamento in manicomio, Alda Merini seppe

trasformare il suo drammatico vissuto in versi limpidi e visionari che le valsero numerosi riconoscimenti, tra cui, nel 1993, il Librex-Guggenheim Eugenio Montale per la poesia, nel 1996 il Viareggio, nel 1997 il Procida-Elsa Morante e nel 1999 il premio della Presidenza del Consiglio dei Ministri settore poesia. Nel 1996 e nel 2001 fu candidata, rispettivamente dall’Académie Française e dal Pen club italiano, al Nobel per la letteratura.

 

 

 

Ore 22.00 gran finale con WILLIE PEYOTE

Al secolo Guglielmo Bruno, torinese classe 1985, si è affermato nel corso degli ultimi anni come

astro crescente del panorama musicale nazionale e non solo.

La sua penna, sottile e acuta, insieme alle scelte musicale versatili e raffinate, ne fanno un artistacapace di raggiungere un pubblico vasto quanto variegato, trascendendo i limiti del genere a cui appartiene.

Se il valore dei suoi testi, che potrebbe definirlo più cantautore che rapper, si evince fin dall’ascolto dei primi due dischi “Manuale del giovane nichilista” e “Non è il mio genere, il genere umano”, è con “Educazione Sabauda”, uscito il 27 novembre 2015, che la sua opera raggiunge l’apice e trova conferma in “Sindrome di Tôret”, il nuovo concept album, pubblicato per l’etichetta 451 con distribuzione Artist First e subito schizzato all’ottavo posto della Top 10 della Classifica FIMI/Gfk dei dischi più venduti in Italia. In questo nuovo disco affronta il tema della libertà d’espressione e dei limiti della stessa, in un’epoca in cui la comunicazione è cambiata profondamente a causa della tecnologia. Con riferimenti e citazioni più o meno velate alla musica italiana degli ultimi quarant’anni, oltre al già menzionato Signor G., Willie Peyote delinea un sound e una forma lirica che vanno da Battisti a Bruno Martino, passando dal nuovo cantautorato pop e prendendo spunto dalla narrazione tipica della stand-up comedy e della satira: capovolge il punto di vista collettivo e sviluppa un pensiero critico attraverso la provocazione e l’ironia.

 

 

 

Ore 21.30_SIAM COME LE LUCCIOLE, trekking notturno a cura dell’Associazione Culturale Andé.

Partenza da Novello, circuito ad anello e ritorno. Una passeggiata facile tra filari e le colline adatto anche per famiglie (i ragazzi non pagano). Si raccomanda di portare una torcia.

Costo del trekking 7 euro + 12 euro per l’ingresso al paese e agli spettacoli.

Info e prenotazioni Marcello Bertino +39 328 2261388

 

Sabato 1 Settembre 2018

SERRAVALLE SCRIVIA (AL), Area Archeologica di Libarna, ore 18, ingresso 20 euro

NERI MARCORE’

in Incontro in musica tra Faber e Gaber

con

GIUA, PIETRO GUARRACINO, VIERI STURLINI – voci e chitarre

A seguire degustazione di Gavi Docg e specialità del territorio a cura dell'Associazione Libarna Arteventi e del Consorzio Tutela del Gavi in collaborazione della Pro Loco di Serravalle Scrivia

Inserito nell’ambito di Di Gavi in Gavi, l’evento è organizzato in collaborazione con il Consorzio Tutela del Gavi in collaborazione con l'Associazione Libarna Arteventi e con il patrocinio della Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le province di Alessandria, Asti e Cuneo.

 

Per informazioni:

Associazione Libarna Arteventi - scoprilibarna.it - + 39 3296484707

Area archeologica di Libarna libarna.al.it - + 39 0143 633420

 

Domenica 2 Settembre 2018

MONFORTE D’ALBA (CN), Auditorium Horszowski, ore 18

posto a sedere numerato 20 euro

NERI MARCORE’ in Incontro in musica tra Faber e Gaber

con

GIUA, PIETRO GUARRACINO, VIERI STURLINI – VOCI E CHITARRE

Durante l’evento degustazione enogastronomica - e possibilità di cenare dopo lo spettacolo - a cura

della Pro Loco di Monforte d’Alba

 

Al tramonto, avvolti dalla magia dei colori di Libarna e nella magia dell'Auditorium Horszovwki di Monforte d'Alba, Neri Marcorè ci conduce in un viaggio di due appuntamenti tra parole e note, in cui racconta e interpreta le più belle canzoni di due maestri della musica cantautorale italiana: Fabrizio De André e Giorgio Gaber.

Un omaggio a due grandi artisti, a cui in passato Marcorè ha dedicato due spettacoli teatrali di grande successo prodotti dal Teatro Archivolto di Genova “Un certo signor G” nel 2008 e “Quello che non ho” nel 2017. Assieme a lui sul palco, tre grandi musicisti Giua, Pietro Guarracino e Vieri Sturlini.

Con lo sguardo irresistibilmente sornione e una travolgente simpatia, Neri Marcoré è uno degli entertainer più amati dal pubblico italiano. 

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop