Torino News

TORINO, 01 November 2018

Mostre GIUSEPPE CHIARI | LA LUCE Pinacoteca Agnelli Torino dal 1 al 3 novembre 2018

Installazione audiovisiva da una partitura del 1966

giuseppe_chiari_la_luce_pinacoteca_agnelli_torino_dal_1_al_3_novembre_2018_news_torino_torino_piemonte
Condividi

Orari di apertura della Pinacoteca Agnelli in occasione di Artissima 2018:

1-3 novembre 2018 |ore 10.00 – 21-00

4 novembre 2018 |ore 10.00 – 19-00


 

GIUSEPPE CHIARI | LA LUCE

Installazione audiovisiva da una partitura del 1966

Un progetto di Tempo Reale, realizzato con il sostegno di Frittelli arte contemporanea, Firenze.

 

Progetto luminoso e sonoro: Agnese Banti e Francesco Giomi

Tecnica: Francesco Canavese e Leonardo Rubboli

Coordinamento: Giulia Sarno

Da un’idea di Marco Baldini, Daniela Fantechi e Luisa Santacesaria


1-3 novembre 2018 |ore 10.30 – 20.30 | Sala consultazione

4 novembre 2018 |ore 10.30 – 12.30 | Sala consultazione

Durata: 20 minuti

25 posti disponibili ogni 60 minuti a partire dalle 10.30. Posti numerati

Ingresso gratuito su prenotazione obbligatoria : 011.0062713 - segreteria@pinacoteca-agnelli.it

 

 

In occasione di Artissima 2018, la Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli ha il piacere di ospitare GIUSEPPE CHIARI | LA LUCE, una installazione audiovisiva che Tempo Reale ha progettato nel 2018 interpretando una partitura originale di Giuseppe Chiari (La luce, 1966), realizzata con il sostegno di Frittelli arte contemporanea, Firenze.

Per Artissima 2018, Tempo Reale propone una nuova versione, inedita e site-specific, del lavoro ideato dall’artista fiorentino nel 1966, continuando l’esplorazione di quest’opera minimalista ante litteram del Maestro. L’installazione propone un dialogo tra gesti di rumore e silenzio, duplicato nella relazione tra luce e buio, innescando una riflessione sul significato stesso della musica. Altoparlanti e sorgenti luminose, collocati nello spazio buio, vengono attivati secondo una partitura precisa, creando così un percorso drammaturgico originale. I materiali sonori sono tratti tutti dal dominio dell’elettricità o da particolari paesaggi sonori.

 

Inoltre, per tutta la durata del progetto, la Pinacoteca Agnelli è felice di accogliere nel suo spazio espositivo “La musica è facile”, un’opera di Giuseppe Chiari, realizzata per la Galleria Martano di Torino nel 1976-77.

 

La Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli ha scelto di ospitare questo progetto in occasione di Artissima 2018, coniugando due aspetti peculiari della prossima edizione della fiera torinese: il tempo e il suono. Il fil rouge della venticinquesima edizione sarà infatti “il tempo” inteso come flusso dinamico, in grado di imprimere il ritmo del cambiamento, preservando la sospensione temporale dell’emozione dell’opera d’arte. Inoltre quest’anno vede la luce una nuova sezione di Artissima dedicata alle indagini sonore contemporanee: SOUND, allestita fuori dagli spazi istituzionali di Artissima, presso le OGR.

 


 

Fondato da Luciano Berio nel 1987 Tempo Reale è oggi uno dei principali punti di riferimento per la ricerca, la produzione e la formazione nel campo del suono e delle nuove tecnologie musicali. Dopo la sua costituzione il Centro

 

 

è stato impegnato nella realizzazione delle opere di Berio, che lo hanno portato a lavorare nei più prestigiosi contesti concertistici di tutto il mondo. Lo sviluppo di criteri di qualità e creatività derivati da queste esperienze si è riverberato nel lavoro condotto continuativamente tanto con compositori e artisti affermati quanto con giovani musicisti emergenti. I temi principali della ricerca riflettono un'idea di poliedricità che da sempre caratterizza le scelte e le iniziative di Tempo Reale: l'ideazione di eventi musicali di grande spessore, lo studio sul paesaggio sonoro e sull'elaborazione del suono dal vivo, le esperienze di interazione tra suono e spazio, la sinergia tra creatività, competenza scientifica, rigore esecutivo e didattico. Nel 2008 è stato fondato il Tempo Reale Festival, una regolare iniziativa di concerti, performance e spettacoli dedicati alla musica di ricerca. Dal 2013 Tempo Reale è Ente di Rilevanza per lo Spettacolo dal Vivo della Regione Toscana.

Dal 2017 Tempo Reale collabora regolarmente con la galleria Frittelli Arte Contemporanea, che ha ospitato in questi anni gli eventi di TRK. Sound Club, il progetto dedicato alla scena internazionale della sperimentazione musicale e della sound art. www.temporeale.it

 

Frittelli arte contemporanea ha aperto la sede attuale nel 2006 nella zona nord-ovest di Firenze: lo spazio principale ospita mostre temporanee di artisti rinomati a livello nazionale e internazionale, mentre una sezione della struttura, chiamata “Le Stanze”, è dedicata a esposizioni collaterali legate alla mostra principale.

La galleria presta una particolare attenzione all’arte astratta italiana del dopoguerra (Vinicio Berti, Piero Dorazio, Mauro Reggiani), alla Pittura Analitica (Riccardo Guarneri, Paolo Masi, Lucio Pozzi), alla Poesia Visiva (Nanni Balestrini, Tomaso Binga, Ketty La Rocca, Lucia Marcucci, Eugenio Miccini, Luciano Ori, Lamberto Pignotti), ad artisti come Georges Adéagbo, Giuseppe Chiari, Gianni Bertini, Pino Pascali, Mimmo Rotella, Arturo Vermi, alle nuove generazioni (Andrea Francolino, Luca Matti, Susana Serpas Soriano), con un focus speciale sulla fotografia (Aurelio Amendola, Paola Di Bello, Nicole Gravier, Paola Mattioli, Libera Mazzoleni).

Tra gli obiettivi della galleria, c'è la ricognizione critica e filologica dell'arte in Italia dagli anni '50 a oggi, perseguita anche attraverso la stretta cooperazione con musei, fondazioni, pubbliche istituzioni, il dialogo con artisti, curatori, critici, storici dell'arte e collezionisti.

La galleria è sede dell’Archivio per l’Opera grafica di Pino Pascali, dell’Archivio Frittelli per l’Opera di Gianni Bertini, dell’Archivio Frittelli per l’Opera di Vinicio Berti. www.frittelliarte.it

 

Giuseppe Chiari (Firenze, 1926 – 2007), compositore, performer, artista visivo e concettuale, è stato uno dei principali esponenti del gruppo internazionale Fluxus in Italia. Nel 1960 fonda con Pietro Grossi l'associazione Vita Musicale Contemporanea e nel 1962 organizza con Sylvano Bussotti la mostra itinerante “Musica e Segno” (Galleria Numero, Roma;  Creative and Performing Art Center, Buffalo). Ancora nel 1962, viene invitato al Fluxus Internationale Festspiele Neuster Musik di Wiesbaden promosso da George Maciunas, dove Frederic Rzewski esegue la sua opera Gesti sul piano. Nel 1963-64 partecipa a Firenze alla fondazione del Gruppo 70, con Eugenio Miccini, Lamberto Pignotti, Luciano Ori, Lucia Marcucci e ai successivi eventi della Poesia Visiva. La sperimentazione dell'interazione tra musica, linguaggio, gesto e immagine lo porta a confrontarsi con molteplici tecniche e mezzi espressivi: collages, performance, interventi pittorico-gestuali su spartiti o fotografie, fino agli statements ironici e provocatori che diventano il tratto distintivo della sua opera.

Tra le mostre principali: Galleria Milano, Milano 1970; Il Centro, Napoli 1970; Biennale Internazionale d'Arte di Venezia, in più edizioni a partire dal 1972; Documenta 5, Kassel 1972; Contemporanea, Roma 1974; “1962 WiesbadenFLUXUS 1982”, Wiesbaden 1982; “Music is Easy (Opere 1963-1983)”, Salone di Villa Romana, Firenze 1983; “Happening & Fluxus”, Galerie 1990-2000, Parigi 1989; “Quit Classical Musik”, Kunsthalle Frifericianum, Kassel 2001; “Le scelte trasgressive”, Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Roma 2005. Tra le pubblicazioni: Musica senza contrappunto (Lerici, collana “Marcalibri”, 1969), Musica Madre (Prearo, Milano 1973), Arte (Toselli, Milano 1974), Metodo per suonare (Martano, Torino 1976), Dubbio sull'armonia (Hopefulmonster, Firenze 1990).

 

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop