Settimo Torinese News

SETTIMO TORINESE, 02 November 2018

Teatro Teatro Civico Garybaldi Settimo - 17 novembre Berardi Casolari IN FONDO AGLI OCCHI

SANTIBRIGANTI TEATRO

teatro_civico_garybaldi_settimo_17_novembre_berardi_casolari_in_fondo_agli_occhi_news_settimo_torinese_torino_piemonte
Condividi
Indicazioni di contatto
Teatro Civico Garybaldi
Via Partigiani,4
Settimo Torinese 
011.8028456   Link al sito 

SANTIBRIGANTI TEATRO presenta
Stagione teatrale 2018/2019 - “Corpi Contundenti” al TEATRO CIVICO GARYBALDI via Partigiani 4 Settimo T.se
da ottobre 2018 a giugno 2019

 

Sabato 17 novembre 2018 ore 21

“In fondo agli occhi”

di Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari

Regia César Brie

luci e audio Dario Aggioli
elementi scenici Franco Casini Roberto Spinaci
organizzazione Claudia Casalini

Compagnia Berardi Casolari

 

In fondo agli occhi è uno spettacolo di nuova drammaturgia che affronta le tematiche della crisi e della malattia da questa prodotta e derivata. L’indagine parte e si sviluppa da due differenti punti di vista: uno reale, in cui la cecità, malattia fisica, diventa filtro speciale attraverso cui analizzare il contemporaneo, e l’altro metaforico, in cui la cecità è la condizione di un intero Paese rabbioso e smarrito che brancola nel buio alla ricerca di una via d’uscita. Chi è più cieco di chi vive, senza avere un sogno, una prospettiva davanti a sé, di chi essendone consapevole, non può far altro che cedere alla disperazione? Un paese cos’è in fondo se non le persone che al suo interno vivono e si muovono? Un paese non sono le case, non sono le chiese, né i bar o le istituzioni ma la gente che al loro interno abita e ne dà il valore. Un paese malato quindi è fatto da gente malata, come noi. Ma come raccontare tutto questo poeticamente, ironicamente, senza essere retorici o superficiali?

Qui l’incontro con Cesar Brie:

l’autobiografico e l’universale vanno di pari passo: quando mi parli precisamente di te, mi parli del tuo paese, quando mi parli del tuo paese mi parli esattamente di te.

L’illuminazione allora: la cecità, la malattia di Gianfranco, maniera autentica e necessaria, di condividere empaticamente il nostro tempo; metafora attraverso cui raccontare la crisi, in quanto fonte di dolore ma al contempo di opportunità per rivalutare l’essenziale e mettersi in gioco in prima persona, svelando ciò che si è così come si è. Inevitabile quindi è diventato affrontare l’aspetto complementare della malattia: la cura, reale esperienza che Gabriella, in scena e nella vita, vive. Come ogni punto di forza può essere nella vita, punto di debolezza, allo stesso modo la fragilità, in scena, può divenire perno su cui esprimere tutto il proprio potere. È nata così la voglia di costruire, a partire da noi, da ciò che sta in fondo ai nostri occhi, un affresco del contemporaneo.

In scena una barista, Italia, donna delusa e abbandonata dal suo uomo, e Tiresia, suo socio ed amante, non vedente, raccontano la propria storia, i propri sogni mancati, le proprie debolezze e le proprie speranze in un bar, metafora di un paese dove: “…non è rimasto più nessuno…perché ci vuole talento anche per essere mediocri…”.

Sono stati, sono e saranno sempre in “crisi” come il paese in cui vivono, logorati dalla propria esistenza oltre che dal proprio rapporto. La finzione, il mescolamento di vissuti da bar, di frammenti autobiografici e di fantasie drammaturgiche e registiche ci hanno portato qui “in fondo agli occhi” quelli di chi scrive, quelli di chi ascolta, quelli di chi legge, quelli di chi piange, quelli di chi ride, di chi guarda ma non vede, quelli di chi sogna, quelli di chi vede ma non si accorge, quelli di chi cerca, quelli di chi un giorno finalmente rivedrà!

Nel 2001 Gianfranco Berardi, attore pugliese non vedente, lavorando nella produzione “Viaggio di Pulcinella alla ricerca di Giuseppe Verdi” di e con Marco Manchisi, incontra sulla scena l’attrice Gabriella Casolari, emiliana, con la quale inizierà un percorso che, dopo varie esperienze con diverse realtà produttive di calibro nazionale ed internazionale nel settore teatrale, cinematografico e radiofonico, convoglierà a maggio 2008 nella Compagnia Berardi Casolari.

La poetica espressa dal gruppo appartiene a quella branca teatrale generalmente riconosciuta come teatro contemporaneo ed in particolar modo affonda le sue radici in quella corrente detta “nuova drammaturgia”.

[testo redatto dalla Compagnia Berardi Casolari]

https://www.berardicasolari.it/

 

 

Teatro Civico Garybaldi di Settimo Torinese

Via Partigiani 4, Settimo Torinese Biglietti intero € 12 ridotto € 10 ridotto extra €8

Domenica pomeriggio posto unico € 6

Inizio spettacoli ore 21 domenica pomeriggio ore 16.30

Vendite anche online su www.ticket.it

Apertura cassa teatro un’ora prima dello spettacolo. Come arrivare: *bus 49 fermata Levi in via Ferraris  *Stazione FS-SFM. Informazioni e prevendite: SantibrigantiTeatro  tel +39 – 011 – 645740 (dal lun. al ven. ore 12.30 – 16.30)

Teatro Civico Garybaldi di Settimo Torinese +39 – 011 –  8028501 www.santibriganti.it

santibriganti@santibriganti.it  garybaldi@santibriganti.it Santibriganti Teatro è su facebook

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop