Torino News

TORINO, 12 December 2018

Musica Alice - Family Concert per Rivolimusica 2018 / 2019 Domenica 16 dicembre 2018, ore 17:00 Teatro del Castello di Rivoli

Il “paese delle meraviglie” secondo Tecnologia Filosofica

alice_family_concert_per_rivolimusica_2018_2019_domenica_16_dicembre_2018_ore_17_00_teatro_del_castello_di_rivoli_news_torino_torino_piemonte
Condividi

Domenica 16 dicembre 2018, ore 17:00
Teatro del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea
Piazza Mafalda di Savoia, Rivoli (TO)
Adulti 5 euro, bambini gratuito
Bambini dai 3 agli 8/9 anni – prenotazione consigliata

 

Si inaugura domenica 16 dicembre con “Alice” il primo dei quattro Family Concert, ciclo concepito dalla Stagione Rivolimusica per offrire uno spazio dedicato ai più piccoli e alle loro famiglie. Sul palco del Teatro del Castello di Rivoli la Compagnia Tecnologia Filosofica porta l’interpretazione fedele, nelle immagini e nei significati, dell’Alice sempre attuale che Lewis Carroll ci fece conoscere “in Wonderland” nel lontano 1865: il “paese delle meraviglie” secondo Marco Amistadi, che dello spettacolo è regista, musicista (live electronics / oboe) e compositore, è l’inaspettato per definizione, mondo governato dalla fantasia che scalza ciclicamente una realtà che trascende se stessa fin dal principio della messa in scena. In questo paese generato dallo spazio teatrale davanti agli occhi del pubblico, con Thuline Andreoni ed Elena Valente performer e interpreti di due volti appartenenti allo stesso spirito ludico fanciullesco, lo stupore diviene norma, mentre luoghi e oggetti quotidiani prendono vita tra musica, parole e immagini girate e proiettate dal vivo come fossero lo sguardo incantato della protagonista sulle cose del mondo. In una sorta di rappresentazione metateatrale il pubblico assiste alla nascita delle meraviglie attraverso le vicende della piccola Alice (Thuline Andreoni), che nella sua stanza immagina una storia avventurosa scegliendo tra i giochi a disposizione un coniglio bianco di legno per poi focalizzarsi su una bambola, che finisce per rappresentare lei stessa (Elena Valente) intenta a seguire il Coniglio: viene dato così il via alla trama tradizionale, nella quale l’esistente è mosso dalla bambina che stimola e porta in scena diversi giocattoli/personaggi proiettati sullo schermo con il quale la Valente-Alice interagisce.                                                                          Dal Bruco al Cappellaio Matto, dal Gatto alla Regina di Cuori i personaggi attraversano l’immaginario della protagonista Alice e del suo pubblico in un viaggio fantastico che ripercorre il racconto di Carroll lungo la rappresentazione dello sconfinato universo immaginifico infantile.

In questa nuova produzione (Tecnologia Filosofica, Unione Musicale Onlus, Rivolimusica) ancora una volta concepita dalla Compagnia in quanto esperienza collettiva e condivisa, l’interazione con il pubblico si rivela fondamentale così come essenziali sono gli elementi di scena (con elaborati in legno concepiti e costruiti da  Rajan Craveri), da sempre a cura della stessa Tecnologia Filosofica proprio perché dato creativo inscindibile dalla performance artistica che avviene sul palco.

 

Tecnologia Filosofica opera a Torino dal 2001. Oltre alla sua intensa attività di formazione del pubblico e alla sua caleidoscopica produzione artistica, si segnala anche per Morenica Festival, rassegna di eventi culturali promossi sul territorio canavesano. Il lavoro del gruppo, segnalato negli anni attraverso premi e riconoscimenti, è stato promosso e diffuso anche all'estero grazie alle collaborazioni produttive d'oltralpe con il Theatre Durance di Château Arnoux, alla partecipazione al Festival di Avignone nell'ambito di Les Hivernales, e alle numerose tournè realizzate fra il 2010 e il 2015 tra Belgio, Francia, Germania, Brasile, Cuba, Usa, Indonesia Dal 2015 Tecnologia Filosofica è partner di "Silence in the dance Landscape", rete nazionale sull'inclusione sociale attraverso la danza nell'ambito delle Azioni Trasversali coordinate da Carovana SMI di Cagliari per il triennio Mibact 2015-2017.

 

Marco Amistadi si è diplomato in oboe e corno inglese, composizione, didattica della musica,

musica elettronica, presso il conservatorio G.Verdi di Torino e ha studiato direzione d’orchestra

con Emilio Pomarico. Svolge intensa attività didattica in ambito musicale e teatrale. Nel 2010 ha partecipato come docente allo Stage Internazionale di Commedia dell'Arte del progetto “Gli scavalcamontagne”, della Fondazione Teatro Piemonte Europa / Théatre La Passerelle sostenuto dalla Comunità Europea. Fino al 2013 è stato docente del progetto internazionale MUS-E. Ha studiato recitazione presso la scuola Sergio Tofano (Torino) e ha approfondito la commedia dell’arte con Eugenio Allegri con il quale ha collaborato per diversi anni. Ha lavorato in numerose produzioni come attore, direttore d’orchestra, compositore, esecutore, regista; tra le altre “La Trilogia della villeggiatura” in scena a Operaestate Festival Veneto (VI); “La Cassaria” di Ariosto in scena al Festival Europeo del teatro di scena e urbano (Mantova); “La suite del grande Arlecchino”, produzione del Teatro della Fortuna (Fano), regia di E. Allegri; “Sistemi gemelli”, in scena al Teatro Stabile di Torino, regia di E. Allegri; Histoire du Soldat ,

Fondazione TRG (Torino); “La Montagna dei Sette Vetri, MAUS, “Alice” (commissione Unione Musicale, Torino), “PLAY” (commissione MITO Settembre Musica). Si occupa di sound art e musica elettronica e elettroacustica. Dal 2013 fa parte del collettivo CoMET (Collettivo Musica Elettroacustica Torino) con il quale ha avuto esecuzioni in Italia, Gran Bretagna, Germania, Svizzera e Canada.

 

Elena Valente. Danzatrice e attrice, si forma come danzatrice con i maestri Joan Bosioc, Daniela Chianini, Carlo Merlo, Eugenio De Mello, Jackie Taffanel e come attrice con Roberto Freddi, Santo Versace, Oliviero Corbetta, Adriana Innocenti, Alessandro Berti.
Lavora come danzatrice/attrice con varie compagnie piemontesi.
Insegna danza classica presso il Teatro Nuovo di Torino dal 1998. Dal 1999 fa parte della compagnia torinese Tecnologia Filosofica in qualita di attrice e danzatrice: alcuni degli spettacoli allestiti dalla compagnia sono stati inseriti in diverse rassegne di teatro-danza in Italia tra cui Festival delle Colline Torinesi, TPE, Torinodanza, Garofano Verde (Roma), Parole d'artista (Asti) e all’estero (Buenos Aires, Festival di Avignone off, Theatre Durance ChateauArnoux, Los Angeles Theatre Raymond Kabbaz)

 

Thuline Andreoni Attrice di prosa, regista ed operatrice teatrale, diplomata alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi come attrice.

E’ attrice per il regista Claudio Longhi (Teatro Stabile di Torino ne “Il matrimonio di Figaro”), e in “Il Lancio del Nano” (Festival della Scienza di Genova), “I mercati invisibili” (Mercati Traianei a Roma), “ Storie Naturali” prima Europea dell’opera di Edoardo Sanguineti (Università degli Studi di Bologna e Museo di Storia Naturale di Siena), “Yugen o dell’incanto sottile” (a cura dell’Associazione teatrale Mimesis). Lavora con il Teatro Franco Parenti di Milano, diretta da Andrée Ruth Shammah in “Al Mercato”. Nel 2011 è attrice nello spettacolo di burattini “La principessa Preziosa”, regia di Beppe Rizzo, Compagnia Oltreilponte Teatro alla Reggia di Venaria. E’ attrice nello spettacolo “Omissis-non dimenticare” della compagnia Tekhné Teatro (2012) con tournée nei comuni della resistenza del Piemonte. Nel 2014 fonda il Collettivo Scarpette Rosse. E’ attrice e regista di “Questo Viaggio Chiamavamo Amore” dal carteggio Aleramo-Campana, reading con musica dal vivo. E’ attrice e manipola figurini nello spettacolo “La Montagna dei Sette Vetri” al Teatro Vittoria di Torino per Compagnia Refrain e Compagnia Tecnologia Filosofica all'interno della stagione dell'Unione Musicale di Torino. A Maggio 2014 cura, assieme a Morena Luciani Russo, la regia e recita in “Aedee-Datrice di Vita”, performance rituale, Casa Internazionale delle Donne di Roma, per il convegno internazionale su Marija Gimbutas. E’ attrice al Teatro Concordia di Venaria, in “Mare Nostrum”, Paranza del Geco di Torino, regia di Simone Campa (2014).

   

Prossimo concerto

Sabato 22 dicembre  2018 ore 21:30

Maison Musique Area

’80 voglia di Gnu- GnuQuartet

Ingresso gratuito

 

RIVOLIMUSICA 2018 2019 è un progetto dell’Istituto Musicale Città di Rivoli G. Balmas per conto del Comune di Rivoli (direzione artistica di Andrea Maggiora) realizzato con il sostegno della Compagnia di San Paolo (Maggior sostenitore) nell'ambito dell'edizione 2018 del bando "Performing Arts" ed il contributo di Fondazione CRT e Regione Piemonte.

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop