Torino News

TORINO, 04 March 2019

Musica Nada in concerto Circolo della musica Rivoli (TO) Sabato 9 marzo 2019

SOLD OUT

nada_in_concerto_circolo_della_musica_rivoli_to_sabato_9_marzo_2019_news_torino_torino_piemonte
Condividi

Incontri (molto) ravvicinati con leggende della musica alternativa nazionale e internazionale sul palco del Circolo della musica. La rassegna Letteratura post-rock prosegue con Nada, all’anagrafe Nada Malanima, autrice di successi indimenticabili da quando debuttò al Festival di Sanremo del 1969. Dall’incontro con John Parish, musicista eclettico, polistrumentista e produttore, è nato il disco È un momento difficile, tesoro, prodotto proprio da Parish. Il concerto, già sold out, è sabato 9 marzo, ore 21.30 in via Rosta 23, Rivoli. 

 

È un momento difficile, tesoro è un lavoro minimale e misurato. La title track dice molto della temperatura del disco e in essa si intrecciano i temi che caratterizzano l’intero album. “Ho troppe cose e nessuna che mi tiri su”, canta con la sua voce carismatica. Il concerto fa parte di Letteratura post-rock, rassegna pensata come un’immersione completa nell’arte di chi vi partecipa, occasione unica per assemblare istantanee di vita e note, sopra e sotto il palco. Infatti, il primo momento più intimo è dedicato al racconto, tramite l’ausilio di video privati e inediti, di memorie e aneddoti, tra l’artista e Maurizio Blatto, segue il live set. 

 

Il concerto, che inizia puntuale alle ore 21.30, è da godere in un centro riqualificato e curato, nella comodità di un luogo accogliente, con cocktail bar e spazi di incontro. A due passi dall’auditorium, si trova il Ristorante In Famiglia, forte della cucina firmata dallo chef Mario Ferrero che unisce tradizione e innovazione. È disponibile un servizio di navetta gratuita Torino-Rivoli, per chi volesse partecipare agli eventi in programma.

 

Figlia d'arte (il padre è un clarinettista), Nada Malanima è nata a Gabbro, una frazione di Rosignano Marittimo in provincia di Livorno. Viene scoperta da Franco Migliacci. A soli quindici anni debutta al Festival di Sanremo 1969 con Ma che freddo fa, singolo che la spinge al primo posto in hit-parade per cinque settimane regalandole un'enorme e improvvisa popolarità in Italia, Spagna, Giappone e altri paesi; viene soprannominata Il pulcino del Gabbro per la sua giovanissima età. Con l'album Ho scoperto che esisto anch'io (1973), la giovane cantante abbandona l'immagine adolescenziale costruita dai suoi discografici e si avvicina alla poetica del suo conterraneo Piero Ciampi. Si avvicina inoltre alla nuova canzone d'autore italiana collaborando con alcuni grandi nomi giunti solo qualche anno dopo alla vera notorietà (come ad esempio Antonello Venditti, Riccardo Cocciante e Claudio Baglioni). La svolta prosegue nel 1975 con l'album 1930: Il domatore delle scimmie in cui collabora con la Reale Accademia di Musica. Con il passaggio dalla RCA alla Polydor, Nada torna al successo attraverso un repertorio più leggero, grazie alla collaborazione di Mauro Lusini. Pubblica svariati 45 giri che ottengono un buon riscontro commerciale: Pasticcio universale (1978), Dolce più dolce (1979), Rosa (1980) e soprattutto Dimmi che mi ami che mi ami che tu ami che tu ami solo me (1981) e Ti stringerò (1982), dove Nada firma per la prima volta il testo e ritrova la Top Ten nella classifica dei 45 Giri. Nel 1983 passa alla EMI ed esce l'album Smalto, trainato dalla celeberrima Amore disperato, che diventa immediatamente uno dei tormentoni dell'anno, nonché uno dei brani italiani simbolo degli anni ottanta. Dopo la partecipazione al Festival di Sanremo 1987 (Bolero) che la vede ultima classificata, segue un silenzio artistico di molti anni interrotto nel 1992 dalla pubblicazione dell'album L'anime nere, in cui Nada firma parte dei testi. Nel 1994 pubblica una raccolta intitolata Malanima: Successi ed inediti 1969-1994 per celebrare i 25 anni di carriera. Nel 1997 esce Nada Trio, progetto che testimonia la sua svolta verso sonorità acustiche e una nuova ricerca musicale. Il "trio" è costituito da Nada, Fausto Mesolella (chitarra) e Ferruccio Spinetti (contrabbasso). Nel 2001 pubblica L'amore è fortissimo il corpo no, improntato al rock, così come il successivo Tutto l'amore che mi manca, prodotto da John Parish e premiato come miglior album indipendente del 2004. Nei due album Nada è autrice di tutti i brani. Nel marzo del 2014 è stato pubblicato il suo nuovo album di inediti, intitolato Occupo poco spazio, registrato in presa diretta con una piccola orchestra. A gennaio 2016 esce l'album L'amore devi seguirlo, registrato nella sua abitazione. Il 18 gennaio 2019 viene rilasciato per Woodworm Label il nuovo album È un momento difficile, tesoro. L'8 febbraio 2019 si esibisce con Motta alla 69ª edizione del Festival di Sanremo nel brano Dov'è l'Italia, vincendo il premio per il miglior duetto.

 

Ingresso singolo concerto € 10

Biglietti in vendita al Circolo dei lettori e online su circololettori.it e vivaticket.it 

Navetta gratuita su prenotazione obbligatoria 0114326827 | info@circololettori.it

Partenza ore 20.30 da Porta Nuova (Piazza Carlo Felice, lato Decathlon), arrivo Circolo della musica ore 21. Inizio live ore 21.30. A fine concerto, la navetta ritorna a Torino, sempre a Porta Nuova.

 

Maggiori informazioni il Circolo dei lettori
via Bogino 9, 10123 Torino
0114326827 | info@circololettori.it



I prossimi concerti targati Letteratura post-rock:

 

Venerdì 15 marzo, ore 21.30 | Massimo Volume | SOLD OUT

Crudi, diretti, capaci di raccontare il particolare in modo che diventi universale. Sono i Massimo Volume, la band di Emidio Clementi torna con un nuovo album di inediti in uscita il 1 febbraio, in bilico tra (post)rock e letteratura contemporanea.

 

Sabato 27 aprile, ore 21.30 | Diaframma

L’Abisso, nuovo album dei Diaframma, pionieri della dark-wave italiana, storica band di Federico Fiumani, è uscito il 7 dicembre 2018, opera intima, densa di paure, malinconia e visioni, racconta ciò che si perde, la vecchiaia come lato oscuro della vita, ma dice molto anche del presente, oggi dello stesso colore dell’abisso.

 

La musica prende forma. L’ex Maison Musique di Rivoli torna a suonare, trasformandosi in Circolo della musica, progetto della Fondazione Circolo dei lettori, sostenuto dalla Regione Piemonte, con il patrocinio della Città di Rivoli. Diventa così un rinnovato spazio di cultura musicale, in cui si intrecciano, da febbraio a maggio, quattro racconti sonori in forma di rassegna.

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop