Torino News

TORINO, 16 March 2019

Teatro «Fiori di garza», la poesia incontra la danza per raccontare intense storie di donne Sabato 23 marzo 2019 Lavanderia a Vapore, Collegno

Dall’unione fra i versi della poetessa Laura Fusco e le coreografie di Cristiana Casadio

fiori_di_garza_la_poesia_incontra_la_danza_per_raccontare_intense_storie_di_donne_sabato_23_marzo_2019_lavanderia_a_vapore_collegno_news_torino_torino_piemonte
Condividi

Colore e bellezza. Fragilità e forza. Sono i fiori i prescelti dalla natura per rinascere da se stessa. Così le donne di cui Fiori di garza canta le storie. Antiche e attualissime, intense. Combattono sfide e inseguono sogni, comunicano il mondo in cui credono e lo rendono possibile. Vincenti anche quelle il cui percorso sembra pieno di ombre.

 

Fiori di garza è il nuovo spettacolo proposto dalla Stagione TPE per la rassegna Palcoscenico Danza, in scena sabato 23 marzo 2019 alle 21 alla Lavanderia a Vapore di Collegno.

 

Lo spettacolo nasce dall’incontro fra il progetto, la poesia e la voce di Laura Fusco e la coreografia e danza di Cristiana Casadio. La prima peculiarità di Fiori di garza, che la rende un’opera unica nel panorama delle creazioni coreutiche, è che è stato ideato da una poetessa. Lo spettacolo torna alle radici dell’Arte, quando la Poesia era orale, la Parola creava, la Danza era energia.

 

Laura Fusco, non nuova a progettare inediti linguaggi e a contaminare, ne ha scritto il testo già con l’idea di farne uno spettacolo per danza. E dopo averlo scritto ne firma la regia e lo interpreta: farlo, per lei definita «erede dei bardi», è estensione necessaria e naturale del suo fare Poesia. Con lei la danzatrice Cristiana Casadio e le sue coreografie, capaci di creare quel doppio fuoco con i versi, che le ispirano, in un fluire simbiotico di rimandi.

 

Il linguaggio del lavoro è arcaico e riportato all’incantesimo dell’essenza. Sul palco la Parola e la Danza, luci e pochi oggetti scenici, tutti di carta, simbolici e creati sotto gli occhi degli spettatori in un fare e disfare della danzatrice che fa pensare a qualcosa di magico, pochissima musica e un lavoro sul suono che accompagna la voce, registrata, live, mixata e a tratti rielaborata in tempo reale. La formula è quella del work in progress.

 

«Fiori di garza – spiega Laura Fusco - si basa su un’idea semplice e rivoluzionaria: la forza creatrice della Parola si unisce all’energia della Danza, diventa Danza, non c’è posto per altri media. È una novità assoluta e, in un tempo di overdose di stimoli, ho voluto riandare alle radici dell’arte e al cuore delle cose. Per Palcoscenico Danza ho trovato in Cristiana Casadio un’interprete che in scena con me lo rende possibile. La prima sfida è stata “inventare un alfabeto tra di noi”, la seconda trasformare l’apparente limite della scena volutamente e totalmente nuda in elemento di forza e bellezza per una dedica appassionata alle donne e al potere della Poesia e della fantasia...».

 

Contenuti

L’opera è divisa in quadri. Una protagonista per quadro. Alcune esistite realmente, come Isabella di Morra, Ingeborg Bachmann o Emily Dickinson: le loro biografie sono rese poesia e ci sono citazioni prese a prestito, rivisitate o ricreate. Altre sono frutto di fantasia, ma calate in contesti fitti di eventi e riferimenti storici, dall’Inquisizione agli anni ’50 al ’68 a oggi.

Le due artiste dipanano il filo rosso delle loro vicende, che uniscono generazioni di donne. Combattenti per quei diritti per cui la poetessa collabora con Libera, Amnesty International e le Asl, ma anche ragazze che emergono da mondi misteriosi in un crossover tra universi: quello della letteratura e della cultura, quello pop e della fantasia, quello delle laceranti battaglie civili e sociali.

 

Storia di Fiori di garza e dei format a cui appartiene

L’iniziativa si pone nel solco di lavori che Laura Fusco, da sempre convinta del potere della Parola, ha dedicato al mondo femminile: i progetti internazionali contro i femminicidi e la violenza; quelli per l’acqua - oro blu ma anche archetipo femminile; quelli per le donne in difficoltà; la raccolta poetica La pesatrice di perle e i testi pubblicati in collaborazione con la Columbia University di New York, i numerosi reading poetici realizzati.

 

Il binomio Poesia e Danza fa parte dei progetti format che Fusco ha dedicato all’incontro tra Poesia e altre arti, tra cui Poesia e Arte e Poesia e Musica: in pochi anni hanno già una storia internazionale e collaborazioni con Conservatori di Musica, Venaria Reale, il Turin Jazz Festival, Università. Anche Poesia e Danza, cui Fiori di garza appartiene, comprende già diverse opere e produzioni: quella del 2018 con Cristiana Casadio, uno studio realizzato nella splendida cornice della Villa della Regina di Torino, in collaborazione con il Mibac - Ministero Beni Artistici Culturali Polo Museale del Piemonte, e in passato con altre danzatrici; i primi esperimenti collaudati con successo nella coproduzione italo-franco-tedesca Faust, Le madri; in Germania il progetto Wo zuerst e atelier internazionali.

 

____________________
 

Lo spettacolo
Sabato 23 marzo 2019, h 21

Lavanderia a Vapore, Corso Pastrengo, 51, Collegno (To)

 
Fiori di garza
Progetto, poesia e voce di Laura Fusco

Coreografia e danza Cristiana Casadio

Regia di Laura Fusco

Suono Andrea Marazzi

Extrait da 4 studi per pianoforte di Marco Sinopoli

Fotografia di scena: Alberto Richetta e Italo Zanotti

 

 

Biglietti

 

INTERO: 22,00 €

RIDOTTO: 15,00 €

UNDER 26: 10,00 €

Info, biglietti e abbonamenti: www.fondazionetpe.it

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop