Torino News

TORINO, 27 March 2019

Varie Biennale Democrazia 2019: gli appuntamenti al Circolo dei Lettori Torino

28 - 31 marzo 2019

biennale_democrazia_2019_gli_appuntamenti_al_circolo_dei_lettori_torino_news_torino_torino_piemonte
Condividi
Indicazioni di contatto
IL CIRCOLO DEI LETTORI Torino
Via Conte Giambattista Bogino,9
Torino 
011 432 68 27  Link al sito  E-mail
Biennale Democrazia 2019

giovedì 28 marzo

→ ore 16 | Trasformazioni digitali e pubblica amministrazione
con Ivano Eberini, Fabio Malagnino e Raffaella Vai, coordina Isabella Alberti | a cura di CEST – Centro per l’Eccellenza degli Studi Transdisciplinari
La democrazia – scriveva Bobbio – è il governo del potere pubblico in pubblico: trasparenza e partecipazione ne sono dunque requisiti inprescindibili.  Nell’era digitale, la disponibilità di dati è aumentata vertiginosamente, ma non sempre ciò ha rafforzato la partecipazione democratica.  Questa ambivalenza ci impone di ripensare radicalmente il ruolo dei pubblici poteri.Che contributo possono fornire la digitalizzazione e i new media alla trasformazione della pubblica amministrazione in un vettore di partecipazione consapevole?
ingresso libero fino a esaurimento posti con distribuzione contromarca a partire da un’ora prima

→ ore 18 | Lomellina, la nuova Silicon Valley
con Dario Pagani e Gian Vincenzo Fracastoro, coordina Emiliano Audisio | a cura di ENI
Intelligenza artificiale, robotica, blockchain.I Big Data stanno cambiando il mondo, lo stanno già facendo per quanto riguarda la salute, la sostenibilità, il nostro lavoro, la nostra vita.Stanno cambiando i modelli di business, accelerandoli e favorendone l’evoluzione.Sono tecnologie che portano con sé una promessa: un futuro dove tutti potranno accedere a risorse in abbondanza, così da non temere più minacce di scarsità.Non possiamo parlare di sviluppo, di cambiamento del mondo, senza affrontare il tema dell’accesso all’energia.Il Super Computer e la sua Casa Efficiente nella Lomellina Valley.
possibilità di prenotazione a € 5 su vivaticket e in biglietteria (c/o Urban Center Metropolitano, piazza Palazzo di Città 8/F | 011 01124777 | bdtickets@comune.torino.it | lun-sab ore 11.30-18.30, dom 31/03 ore 11.30-18.30) | per posti rimanenti distribuzione contromarca a partire da un’ora prima

→ ore 21 | L’amore ci vede benissimo
con Simone Alliva, Claudio Rossi Marcelli, Giziana Vetrano, coordina Irene Dionisio | con la proiezione del cortometraggio Due volte di Domenico Onorato (2017, 15, anteprima Lovers Film Festival Torino LGBTQI VIsions) | da una proposta di Wild Strawberries
Il coming out può assumere grande rilievo come motore di cambiamento sociale.Che a farlo siano giovanissimi o persone anziane, personaggi famosi e non, dichiarare il proprio orientamento sessuale è sempre un atto dal valore altamente politico e, proprio per questo, chi lo compie va incontro, talvolta, a grandi difficoltà.Ma è la visibilità delle persone lgbtqi, prima ancora della politica strettamente intesa, che continua ad accompagnare la società verso una maggiore accoglienza delle diversità.
possibilità di prenotazione a € 5 su vivaticket e in biglietteria (c/o Urban Center Metropolitano, piazza Palazzo di Città 8/F | 011 01124777 | bdtickets@comune.torino.it | lun-sab ore 11.30-18.30, dom 31/03 ore 11.30-18.30) | per posti rimanenti distribuzione contromarca a partire da un’ora prima

 

venerdì 29 marzo

→ ore 10.30 | Tecnica e conoscenza.Una sfida per la democrazia
con Gian Vincenzo Fra castoro e Andrea Cerroni, coordina Federico Taddia | in collaborazione co Politecnico di Torino
Per innovare non basta un’invenzione: l’innovazione esige sempre un processo culturale.Un ingegnere e un sociologo si interrogano sul ruolo insostituibile che la cultura svolge nel consentire al progresso tecnico-scientifico di produrre benefici per l’umanità.Dalle nuove forme di produzione energetica all’impatto delle piccole e grandi scelte sul cambiamento climatico, le rivoluzioni tecnologiche esigono oggi più che mai un cittadino consapevole, capace di giudizio e produttore di sapere.Per vincere la sfida della democrazia nella società della conoscenza, la comunicazione scientifica deve diventare lingua comune della nuova cittadinanza.
possibilità di prenotazione a € 5 su vivaticket e in biglietteria (c/o Urban Center Metropolitano, piazza Palazzo di Città 8/F | 011 01124777 | bdtickets@comune.torino.it | lun-sab ore 11.30-18.30, dom 31/03 ore 11.30-18.30) | per posti rimanenti distribuzione contromarca a partire da un’ora prima

→ ore 18 | Dipingere l’invisibile
con Luigi Bonanate | introduce Marina Paglieri
Quando un pittore dipinge un pittore che sta dipingendo, vuole rappresentare l’invisibile, è come se uscisse dal quadro e parlasse con noi che guardiamo la sua opera; si sdoppia: è il creatore e la creatura. È il meccanismo che Balzac indaga ne Il capolavoro sconosciuto.Un percorso dal Velásquez delle Meninas al Quadrato nero di Malevič (dal visibile all’invisibile, dalla luce all’ombra), passando per Vermeer, Courbet, Picasso.L’arte, insomma, è anche – e in via non secondaria – uno strumento di conoscenza e di comunicazione.
possibilità di prenotazione a € 5 su vivaticket e in biglietteria (c/o Urban Center Metropolitano, piazza Palazzo di Città 8/F | 011 01124777 | bdtickets@comune.torino.it | lun-sab ore 11.30-18.30, dom 31/03 ore 11.30-18.30) | per posti rimanenti distribuzione contromarca a partire da un’ora prima

→ ore 18.30 | Cittadini e lobby.Come influenzare le decisioni
con Luca Brusati e Paolo Zanetto | introduce Massimiliano Malvicini | da una proposta di YouTrend
Conoscere è necessario per poter valutare e, di conseguenza, saper scegliere.In quest’ottica, il problema della trasparenza circa natura e attività del lobbying assume contorni di fondamentale importanza.Come interpretare correttamente le relazioni che i portatori di interessi intrecciano con i pubblici decisori?Come temperare istanze particolari e interesse generale?Se il confine tra il potere visibile degli organi legislativi e il potere invisibile esercitato dai lobbisti è destinato a restare debole e confuso, quale grado di opacità può tollerare un sistema pienamente democratico?
ingresso libero fino a esaurimento posti con distribuzione biglietto a partire da un’ora prima

→ ore 21 | I fantasmi del potere in Shakespeare
con Nadia Fusini | letture di Federico Palumeri
Proprio di “fantasmi” si può e si deve parlare a proposito del potere in Shakespeare.A cominciare da Giulio Cesare, in cui il fantasma del potente eroe e tiranno conduce Bruto alla sconfitta.Il re santo Duncan, il re folle Lear, il regicida Macbeth, il re Iperione Hamlet, rispetto al satiro Claudio, il re criminale Riccardo III: queste e altre ancora sono le maschere che la figura del potente indossa nella messa in scena delle passioni offerta da Shakespeare nella prima modernità.Uno spettacolo che non finisce di turbare per la sua profondità e per la sua attualità.
possibilità di prenotazione a € 5 su vivaticket e in biglietteria (c/o Urban Center Metropolitano, piazza Palazzo di Città 8/F | 011 01124777 | bdtickets@comune.torino.it | lun-sab ore 11.30-18.30, dom 31/03 ore 11.30-18.30) | per posti rimanenti distribuzione contromarca a partire da un’ora prima

sabato 30 marzo

→ ore 11.30 | Nella terra di nessuno.I centri di detenzione amministrativa degli stranieri
con Bruno Mellano, Mauro Palma e Laura Scomparin | presiede Gianmaria Ajani | a cura diUniversità di Torino
In un quartiere residenziale, protetto da alte mura, torrette e filo spinato, si trova a Torino il più grande centro d’Italia di detenzione amministrativa degli stranieri.Al suo interno, in attesa dell’espulsione, oltre cento stranieri privi dei documenti necessari per il soggiorno.Quali sono i presupposti e qual è lo scopo della limitazione della loro libertà personale?In che condizioni si trovano queste “prigioni degli stranieri” e cosa fanno all’interno le persone trattenute?Quale accesso ha la società civile a questi luoghi invisibili?
possibilità di prenotazione a € 5 su vivaticket e in biglietteria (c/o Urban Center Metropolitano, piazza Palazzo di Città 8/F | 011 01124777 | bdtickets@comune.torino.it | lun-sab ore 11.30-18.30, dom 31/03 ore 11.30-18.30) | per posti rimanenti distribuzione contromarca a partire da un’ora prima

→ ore 15.30 | Come mafia comanda.La sfida dell’economia criminale agli Stati e alla democrazia
con Rosario Aitala, Simona Melorio e Rocco Sciarrone | in collaborazione con Limes
I poteri criminali prosperano quando la politica è debole, l’economia soffre, la legge dei mercati economici e finanziari prevale sul diritto e lo Stato non riesce – o rinuncia – a esercitare la sua sovranità.Il frangente storico in cui viviamo presenta molte di queste caratteristiche, che si inseriscono sul cronico deficit italiano di statualità.Radiografia di un difficile presente e strategie per un necessario riscatto.
possibilità di prenotazione a € 5 su vivaticket e in biglietteria (c/o Urban Center Metropolitano, piazza Palazzo di Città 8/F | 011 01124777 | bdtickets@comune.torino.it | lun-sab ore 11.30-18.30, dom 31/03 ore 11.30-18.30) | per posti rimanenti distribuzione contromarca a partire da un’ora prima

→ ore 17.30 | Lutto possibile / impossibile
con Fabrice Olivier Dubosc, Filippo Furri e Giorgia Mirto | coordina Luisa Passerini
L’elaborazione del lutto, considerato nelle sue dimensioni psicologiche e antropologiche, a partire dall’attività umanitaria per l’identificazione delle salme di migranti nel Mediterraneo.Diversi punti di vista, personali e disciplinari, si incrociano in questo dibattito sulle pratiche che restituiscono corpi e memoria, rendendo possibile il cordoglio messo in crisi dalla mancanza delle spoglie e raccogliendo l’eredità storica della cura dei morti da parte dei vivi.
ingresso libero fino a esaurimento posti con distribuzione biglietto a partire da un’ora prima

→ ore 18.30 | L’economia circolare come leva di sviluppo
con Francesco Quatraro e Giuseppe Ricci | coordina Luca Ubaldeschi
L’economia circolare è un’opportunità per riscrivere il nostro futuro, ovvero è un modello economico che ha l’obiettivo di preservare il valore delle risorse naturali nel tempo promuovendo il riuso, il riciclo e la rigenerazione, e soprattutto l’allungamento della vita dei prodotti, dei componenti e dei materiali, consentendo di minimizzare l’utilizzo di nuove materie prime e di fonti energiche nel ciclo produttivo.Per centinaia di anni si è ragionato in modo lineare, dalla culla alla tomba, cambiare l’approccio significa cambiare prospettiva e guardare con occhi nuovi ciò che ci circonda, riconoscendo in ogni bene o prodotto un’utilità che supera la finalità per cui è stato concepito.Vuol dire superare il modello take-make-dispose, ovvero i beni sono prodotti a partire dall’estrazione di materie prime, vengono trasformati, venduti, utilizzati (spesso non sfruttandone appieno le potenzialità) e infine eliminati come rifiuti.Tutto ciò mette a rischio la capacità rigenerativa del pianeta a causa di esternalità negative come l’inquinamento o la saturazione delle matrici ambientali o il consumo sconsiderato di alcune risorse.
possibilità di prenotazione a € 5 su vivaticket e in biglietteria (c/o Urban Center Metropolitano, piazza Palazzo di Città 8/F | 011 01124777 | bdtickets@comune.torino.it | lun-sab ore 11.30-18.30, dom 31/03 ore 11.30-18.30) | per posti rimanenti distribuzione contromarca a partire da un’ora prima

→ ore 21 | Il sentimento del non so che
con Ernesto Franco | letture di Chiara Bosco
Il non so che.Che cos’è?Niente di più invisibile, niente di più inafferrabile eppure spesso presente nella vita quotidiana, nei volti, nell’arte, nei libri.Sfugge a ogni definizione concettuale o anche solo a una possibile descrizione.Non è una cosa, non è un sintomo, non è un segno: è appunto un sentimento.Che spesso condiziona, quando non determina, le nostre decisioni, le nostre scelte, addirittura le nostre preferenze.E gli amori.Un percorso incompleto da Petrarca a Pascal, da Feijoo a Montesquieu, da Manzoni a Jankélévitch.
possibilità di prenotazione a € 5 su vivaticket e in biglietteria (c/o Urban Center Metropolitano, piazza Palazzo di Città 8/F | 011 01124777 | bdtickets@comune.torino.it | lun-sab ore 11.30-18.30, dom 31/03 ore 11.30-18.30) | per posti rimanenti distribuzione contromarca a partire da un’ora prima

domenica 31 marzo

→ ore 12 | Vite in vetrina
con Vanni Codeluppi | introduce Cristopher Cepernich
Oggi siamo sempre più schiavi della visibilità.Indotti, cioè, a costruire la nostra identità mettendoci in mostra, facendo ricorso a tutti gli strumenti di comunicazione disponibili.Ne deriva, sia per le star sia per le persone comuni, l’obbligo di mettersi “in scena” all’interno delle numerose vetrine in cui sono costrette a esporsi.Spesso seguendo il seducente modello del packaging dei prodotti allineati sugli scaffali dei negozi.
possibilità di prenotazione a € 5 su vivaticket e in biglietteria (c/o Urban Center Metropolitano, piazza Palazzo di Città 8/F | 011 01124777 | bdtickets@comune.torino.it | lun-sab ore 11.30-18.30, dom 31/03 ore 11.30-18.30) | per posti rimanenti distribuzione contromarca a partire da un’ora prima

→ ore 16 | Ritmi di festa
lettura-spettacolo di Paolo Apolito, musiche di Paolo Cimmino | introduce Adriano Favole
Negli esseri umani la musicalità comunicativa è una dote innata.Quando stanno bene insieme, le persone sono in grado di andare a tempo, come musicisti che suonano e ballerini che danzano insieme, ed è in tal modo che si scambiano affetto, simpatia, amicizia, amore.Accordi ritmici sono alla base delle unità sociali che funzionano, poiché musica, ritmi, festa sono piacere, ma anche organizzazione e disciplina.
possibilità di prenotazione a € 5 su vivaticket e in biglietteria (c/o Urban Center Metropolitano, piazza Palazzo di Città 8/F | 011 01124777 | bdtickets@comune.torino.it | lun-sab ore 11.30-18.30, dom 31/03 ore 11.30-18.30) | per posti rimanenti distribuzione contromarca a partire da un’ora prima

→ ore 18 | L’assenza di Ulisse
con Piero Boitani | introduce Donato Pirovano
Sembrerà paradossale che si possa parlare di invisibilità riferendosi a Ulisse, da tremila anni uno dei personaggi più visibili, presenti e duraturi del mito e delle arti d’Occidente.Eppure, il tema dell’invisibilità è centrale nelle vicende dell’eroe, sia nell’Odissea sia nelle avventure che poeti, narratori, pittori, musicisti gli hanno attribuito nei trenta secoli della sua vita.Il mito di Ulisse è in continua tensione fra visibile e invisibile; l’Odissea è prima di tutto un poema dell’assenza.Di un re, di un marito, di un padre.
possibilità di prenotazione a € 5 su vivaticket e in biglietteria (c/o Urban Center Metropolitano, piazza Palazzo di Città 8/F | 011 01124777 | bdtickets@comune.torino.it | lun-sab ore 11.30-18.30, dom 31/03 ore 11.30-18.30) | per posti rimanenti distribuzione contromarca a partire da un’ora prima

programma completo biennaledemocrazia.it

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop