Torino News

TORINO, 01 April 2019

Varie Incontro con Milo De Angelis al Circolo dei Lettori di Torino Giovedì 4 aprile alle 18

ore 18 Ingresso gratuito

incontro_con_milo_de_angelis_al_circolo_dei_lettori_di_torino_giovedi_4_aprile_alle_18_news_torino_torino_piemonte
Condividi
Indicazioni di contatto
IL CIRCOLO DEI LETTORI Torino
Via Conte Giambattista Bogino,9
Torino 
011 432 68 27  Link al sito  E-mail

Giovedì 4 aprile al Circolo dei Lettori avrà luogo un incontro con il poeta Milo De Angelis. A partire dalla recente pubblicazione di Tutte le poesie 1969-2015 (Mondadori 2017) e della raccolta di interviste La parola data (Mimesis 2017) dialogheranno con l’autore i docenti dell’Università degli Studi di Torino Sabrina Stroppa, Davide Dalmas e Beatrice Manetti, insieme con i ragazzi del gruppo Sul ponte diVersi.

Il confronto con Milo De Angelis tenterà di risalire all’origine del lungo percorso poetico dell’autore facendo tappa in alcuni luoghi a lui cari, reali e figurati: la Polonia di Leśmian, il Monferrato, l’antichità e i classici. Si cercherà di riprodurre, attraverso la lettura, i movimenti ricorrenti della sua poesia, esemplificati dalla tensione del gesto atletico, dalla fermezza dell’obbedienza, dal ritorno. Durante l’incontro, verranno proiettati alcuni minuti di Sulla punta di una matita, film dedicato al poeta da Viviana Nicodemo nel contesto di La parola data, la raccolta di interviste rivolte a De Angelis dal 2008 al 2016 uscita nel 2017. “L’infanzia è più tardi”, dice il poeta in Essere trovati (1976): e allora la ricerca del suo verso deve in qualche modo procedere a ritroso, addentrarsi fino alle fondamenta della sua scrittura, per seguire davvero il suo suggerimento di “essere trovato”, appunto, e riletto oggi da nuovi occhi.

Milo De Angelis è una delle voci poetiche italiane più significative degli ultimi decenni. Il suo esordio, a soli 25 anni, con Somiglianze (Guanda 1976) opera una spaccatura nel panorama letterario degli anni Settanta. La sua poesia intima, enigmatica e visionaria sfida l’avanguardismo, nega l’engagement e si pone come un nuovo punto di riferimento del panorama culturale milanese, anche grazie alla fondazione della rivista Niebo, attiva fino al 1980. Le sue raccolte successive (Millimetri edita da Einaudi nel 1983, Terra del viso pubblicata da Mondadori due anni dopo, e ancora Distante un padre del 1989 e Biografia sommaria comparsa nel 1999) intensificano e confermano questa sua profonda dedizione a una parola evocativa, ostinata, volutamente oscura e personalissima. A partire da Tema dell’addio (2005) s’impone tra i suoi versi il motivo della morte e dell’eterno scontro tra vitalità e arrendevolezza, declinato in diverse forme anche nelle più recenti Quell’andarsene nel buio dei cortili (2010) e Incontri e agguati (2015).

 

Informazioni

Sala Biblioteca, Circolo dei Lettori – via Giambattista Bogino 9, Torino

Giovedì 4 aprile, ore 18

Ingresso gratuito

 

Milo De Angelis nasce nel 1951 a Milano, città in cui compie i suoi studi e che fa da sfondo a gran parte della sua attività letteraria. Insieme alle raccolte poetiche, pubblica anche una prosa breve (Corsa dei mantelli nel 1979) e alcuni saggi raccolti in Poesia e destino (1982). Nel 2008 esce la prima antologia delle sue opere per Mondadori, e nel 2017 Tutte le poesie, che raccoglie i suoi scritti fino al 2015. Nel 2010 pubblica, insieme a Viviana Nicodemo, un volume che coniuga arti visive e poesia (Via dell’inizio). È vincitore di numerosi premi tra cui il Premio Viareggio (2005), i premi Mondello e Brancati (entrambi nel 2011), il premio Dessì (2016) e il premio LericiPea (2017). È traduttore di Eschilo, Virgilio, Lucrezio ma anche di Racine, Baudelaire, Maeterlinck, Blanchot. Ha insegnato a lungo presso il carcere di massima sicurezza di Milano, promuove iniziative culturali di vario genere e si dedica alla ricerca e alla promozione di nuove voci poetiche.

Il gruppo di lavoro sulla poesia contemporanea del Dipartimento di Studi umanistici dell'Università di Torino è attivo da una decina di anni. Oggi vede la partecipazione attiva dei docenti Davide Dalmas, Beatrice Manetti, Margherita Quaglino, Sabrina Stroppa e Massimiliano Tortora. Oltre ad avere organizzato un importante convegno sulla poesia italiana tra anni Settanta e Ottanta, accompagnato da varie pubblicazioni, dal 2013 ha iniziato una serie di incontri pubblici con i poeti (Magrelli, Pusterla, Testa, De Angelis, Insana, Fiori, Valduga, Frabotta), che hanno riscosso un grande interesse presso gli studenti e la cittadinanza.

Il gruppo di lettura Sul Ponte diVersi nasce alla fine del 2017 su iniziativa di Riccardo Deiana, Federico Masci, Jacopo Mecca e Francesco Perardi, con lo scopo di rendere pubblici i privatissimi confronti che da tempo si consumavano al chiuso di bar e cucine da fuori sede. Il primo incontro risale al 21 marzo del 2018 (giornata mondiale della poesia) e riscuote un grande successo, grazie soprattutto alla caratura dell’ospite: Umberto Fiori. Tale esordio ha permesso al gruppo di procedere con il suo programma raccogliendo costanti adesioni. Due i punti: dialogare direttamente con i poeti, tenendo in considerazione l’intera loro produzione, e rimanere “fedeli, domestici e rigorosi”.

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop