Cuneo News

CUNEO, 22 November 2019

Varie Fabio Geda alla Soms di Progetto Cantoregi per Fiera piemontese dell'editoria di Cavallermaggiore - 2 dicembre

Ingresso libero fino a esaurimento posti

fabio_geda_alla_soms_di_progetto_cantoregi_per_fiera_piemontese_dell_editoria_di_cavallermaggiore_2_dicembre_news_cuneo_cuneo_piemonte
Condividi

Incontri con l’autore alla Soms di Progetto Cantoregi in occasione della Fiera piemontese dell’editoria di Cavallermaggiore Fabio Geda con Una domenica (Einaudi, 2019)

Lunedì 2 dicembre, ore 21
(Soms di Progetto Cantoregi, Via Costa 21)
Ingresso libero fino a esaurimento posti

Modera Andrea Gregorio

Fabio Geda, nato a Torino nel 1972, ha scritto, tra gli altri, Per il resto del viaggio ho sparato agli indiani (Instar Libri 2007, Feltrinelli 2009), Nel mare ci sono i coccodrilli (Baldini & Castoldi, 2010), L'estate alla fine del secolo (Baldini & Castoldi, 2011), Se la vita che salvi è la tua (Einaudi Stile Libero, 2014), Anime scalze (Einaudi Stile Libero 2017 e Super ET 2019), Una domenica (Einaudi Stile Libero, 2019) e la serie per ragazzi Berlin (Mondadori, 2015-2016). È tradotto in trentadue Paesi.

Una domenica (Einaudi, 2019)
Un uomo che ha trascorso quarant’anni costruendo ponti in giro per il mondo ed è da poco rimasto vedovo, ha preparato con cura, per la prima volta, un pranzo di famiglia. Ma una nipote ha un piccolo incidente e l’appuntamento salta. Preoccupato, con addosso un po’ di amarezza, l’uomo esce a fare una passeggiata, durante la quale conosce Elena e Gaston, madre e figlio, soli come lui. Si siederanno loro alla sua tavola, offrendogli la possibilità di essere padre e nonno in modo nuovo e trasformando una normale domenica di novembre nell’occasione per riflettere sulle imperfezioni dell’amore, i rimpianti, la vita che resta. In equilibrio tra nostalgia e speranza, Fabio Geda racconta con voce commovente, una giornata che racchiude un’intera esistenza. Una storia che prima o poi attraversa, o sfiora, tutti.
«Non sono mai stata brava a gestire la fragilità dei miei genitori: nei loro confronti non ho mai smesso di sentirmi figlia e di voler essere io quella accudita. Mi veniva spontaneo pensare che essendo più vecchi di me dovessero essere migliori di me, punto: una di quelle cose scritte nel destino. Dovevano essere più consapevoli, più forti, in grado di governare con più criterio qualunque situazione. Ma arriva un momento in cui le parti si invertono o per lo meno si sovrappongono. Nel destino c’è scritto anche questo».

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop