Torino News

TORINO, 01 February 2020

Teatro Assemblea Teatro al Teatro Agnelli e Auditorium Arpino Collegno

Il Mago Dei Numeri, Domenicamattinateatro, Lo svago e il pensiero

assemblea_teatro_al_teatro_agnelli_e_auditorium_arpino_collegno_news_torino_torino_piemonte
Condividi

-ALL’AUDITORIUM GIOVANNI ARPINO (via Bussoleno 50, Collegno)
1° febbraio, ore 21
Compagnia Alexander Circus “FURORE”
Rassegna “Lo svago e il pensiero” (rassegna serale) - ingresso gratuito

-AL TEATRO AGNELLI (via P. Sarpi 111, Torino)
2 febbraio, ore 11
Assemblea Teatro “DOVE VANNO A FINIRE I PALLONCINI”
Adatto per bambini dai 3 anni
Rassegna “Domenicamattinateatro” - ingresso unico 5 euro
Primo appuntamento della trilogia dei “piccoli musical”, presentata da Assemblea Teatro, che è composta anche da “Girotondo intorno al mondo” (9 febbraio) e “La tartaruga e il pinguino innamorato” (16 febbraio)

-ALL’AUDITORIUM GIOVANNI ARPINO (via Bussoleno 50, Collegno)
2 febbraio, ore 16
Associazione Baba Jaga “LA MAGICA LIBRERIA PICCOLA PICCOLA”
Adatto per bambini dai 5 anni
Rassegna “Lo svago e il pensiero” (rassegna per famiglie e ragazzi) - ingresso unico 5 euro

-AL TEATRO AGNELLI (via P. Sarpi 111, Torino)
6 febbraio, ore 21
Assemblea Teatro “IL MAGO DEI NUMERI - Alla scoperta del paese incantato della matematica”
Rassegna “Insolito - La musica intorno” - ingresso 10 euro (interi), 8 euro (ridotti)


Altre info su www.assembleateatro.com


2 febbraio 2020, ore 11.00

TEATRO AGNELLI

Assemblea Teatro in
DOVE VANNO A FINIRE I PALLONCINI

un testo di Renzo Sicco
canzoni di Renato Rascel
musiche e arrangiamenti di Matteo Curallo
la tromba di Paolo Milanesi
in scena Cristiana Voglino, Angelo Scarafiotti e Paolo Sicco
movimenti coreografici Antonella Dell’Ara
le pecore sono state realizzate da Paolo Rogantin
lo spaventapasseri è un autentico costume di paglia dei pastori portoghesi
regia di Giovanni Boni

Lo spettacolo di Assemblea Teatro “Dove vanno a finire i palloncini” è una pennellata di colore in un’epoca indubbiamente grigia, tesa. È un inno alla raffinatezza e all’eleganza, un’esaltazione - finalmente - della parolaitaliana e delle sue mille potenzialità semantiche.

È luce soffusa contro l’eccesso (a volte spreco) di illuminazione, è voce pacata contro le grida del quotidiano. Se aggiungi che lo spettacolo in questione è per bambini, la formula risulta quasi sperimentale, pur trattandosi di un omaggio a un cantautore scomparso oltre vent’anni fa.

I palloncini sono quelli che «sfuggono di mano ai bambini», come cantava Renato Rascel in una delle sue più poetiche canzoni dedicate al mondo dell’infanzia. Attore di teatro ma anche di tv e cinema, comico, cantautore e ballerino, Rascel è un grande uomo di spettacolo, salito alla ribalta nell’Italia degli Anni Cinquanta e Sessanta. I suoi testi dedicati ai più piccoli sono di una profondità preziosa: raccolgono giochi di parole, messaggi educativi mai dogmatici, in un divertissement che non è mai fine a se stesso. Va sempre oltre.
È proprio questo che la compagnia torinese ha saputo fare, costruendo una produzione teatrale a partire dalle canzoni che Rascel aveva pensato per l’infanzia. Un arrangiamento moderno (firmato Matteo Curallo) per brani che appartengono all’epoca dei nonni di oggi. Un fil rouge (nei testi di Renzo Sicco) in grado di legare tra loro elementi che non erano pensati in origine come parte di un unico spettacolo. E tre bravi attori (Cristiana Voglino, Chiara Tessiore e Paolo Sicco) in grado, proprio come Rascel, di attraversare le varie declinazioni dell’arte. Il risultato è un delizioso musical a misura di bambino e ad uso e consumo di adulti in astinenza da poesia.

Daria Capitani


6 febbraio 2020, ore 21.00

TEATRO AGNELLI

Assemblea Teatro
Il Mago Dei Numeri
alla scoperta del paese incantato della matematica 

scritto da Hans Magnus Enzensberger – Giulio Einaudi Editore
riduzione per la scena e regia di Renzo Sicco
in scena Chiara Tessiore, Stefano Cavanna e Paolo Sicco
musiche dei Mogwai, Pink Floyd, Nikolaj Rimskij-Korsakov

e appositamente composte da Moreno Andreatta del CNRS e IRCAM di Parigi
video di Paulo Lagoela
visualizzazione musicale matematica a cura di Gilles Baroin
le immagini della Mole Antonelliana concesse dall’Archivio della Città di Torino

sono di Max Chicco e Mauro Donato
 

Tutte quelle strane formule da decifrare e quelle radici da estrarre per non parlare dei teoremi e degli assiomi... Roberto, è un ragazzino che, come molti di noi, non capisce proprio a che cosa serva la matematica. Anzi, la odia e la trova arida e incomprensibile.
Insomma, una noia infinita!

Finché un buffo ometto appare e gli propone di fare un viaggio nel “meraviglioso mondo dei numeri”.

Proprio con lui Roberto vivrà avventure divertenti imprevedibili e avvincenti, vere e proprie esplorazioni e scoperte nell’universo della matematica. Il Mago riuscirà a fargliela amare usando termini tutti suoi e con fare accattivante diventerà una guida sapiente fino ad invitarlo al ricevimento nel “Palazzo dei Numeri”, dove incontrerà molti uomini capaci di trasformare la matematica da incubo a sogno piacevole. Tutto ciò mentre per miracolo, al posto degli angoli e delle frazioni compaiono ciambelle, banane, ananas e noci di cocco, e i concetti più oscuri diventano improvvisamente semplici e chiari.
E così, Roberto scopre che in tutte le cose c’è un po’ di magia. Basta saperla trovare.

Per Enzensberger la matematica è un mondo immaginario che riserva continue sorprese ed è capace di colpirti con la sua genialità. Una matematica da risolvere facendo ricorso più all’immaginazione che al conteggio, più alla fantasia e al ragionamento intuitivo che al calcolo. L’invenzione del poeta e saggista tedesco è infatti raccontare la matematica attraverso un linguaggio non tecnico che non intimorisca e arrivi come una specie di lingua infantile.

Lo spettacolo viene allestito proprio nelle settimane in cui la matematica italiana ottiene il massimo riconoscimento con l’assegnazione della medaglia Fields ad Alessio Figalli.

Per le musiche si avvale di Moreno Andreatta, un altro italiano che laureato in matematica all’Università di Pavia e diplomato in pianoforte presso il Conservatorio di Novara, attualmente insegna alla Sorbona di Parigi e all’Università di Strasburgo ed è direttore di ricerca presso il CNRS (Centro Nazionale della Ricerca Scientifica) nell’equipe Rappresentazioni Musicali dell’IRCAM, l’Istituto di Ricerca e Coordinazione Acustica/Musica fondato da Pierre Boulez.

 

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop