Torino News

TORINO, 13 February 2020

Teatro Umani si diventa. Darwin, l’evoluzione e… noi a che punto siamo? - Auditorium Istituto Musicale Città di Rivoli Domenica 16 febbraio ore 17:00

Spettacolo in occasione del Darwin Day 2020

umani_si_diventa_darwin_l_evoluzione_e_noi_a_che_punto_siamo_auditorium_istituto_musicale_citta_di_rivoli_domenica_16_febbraio_ore_17_00_news_torino_torino_piemonte
Condividi

Domenica 16 febbraio ore 17:00
Auditorium Istituto Musicale Città di Rivoli_Via Capello 3
Ingresso adulti 5 euro – bambini gratuito fino 12 anni
Prevendita su www.vivaticket.it
Destinatari: bambini dagli 8 ai 13 anni

 

«Io penso che...»: con queste parole Darwin introduceva, nei suoi taccuini, la teoria dell’origine delle specie. Ogni grande genio esita, ed è proprio il dubbio che ha portato alle scoperte più sensazionali di questo mondo. I più piccoli, con i loro continui “perché?” e con la voglia di conoscere, sono tutti mini biologi, naturalisti, antropologi, geologi ed esploratori. A 210 anni dalla nascita di Darwin, questo spettacolo musicale racconta l’evoluzione, il caso, la necessità, le mutazioni e la selezione naturale che, in milioni di anni, hanno portato un pesce a trasformarsi in quello che oggi siamo. E in questo viaggio sul Beagle (il vascello che usò Darwin per i suoi viaggi e le sue scoperte) ragazze e ragazzi ascolteranno continue variazioni musicali a partire da una sola melodia che, evolvendo, farà “sentire” le idee del grande scienziato.

 

L’evoluzione della specie è una “variazione su tema”: ce lo spiega Marco Amistadi in “Umani si diventa”, eloquente titolo scelto da lui, che dello spettacolo è regista e compositore (ma anche attore ed esecutore), e Paolo Cascio, autore dei testi di questa nuova coproduzione Rivolimusica-Unione Musicale Onlus. Alla ricerca di una melodia che riecheggia familiare e innata nella sua testa, ma perduta nei ricordi, un mozzo, protagonista e narratore interpretato proprio da Amistadi, si confronterà con il DNA primigenio – descritto musicalmente dal tema dell’oboe - e con tutte le sue possibili “variazioni”. Da questa ricerca, che si avvale anche del pianoforte, scaturiscono avvenimenti governati dai personaggi più disparati; il teatro dell’azione scenica è il mitico vascello che nel 1831 salpava dal porto di Plymouth per quella che sarebbe diventata una spedizione scientifica rivoluzionaria, con a bordo un giovane Darwin naturalista – del quale il pubblico sentirà solo parlare per voce del mozzo, arruolato sul Beagle, e degli altri personaggi - alla scoperta del mondo.

Nell’attesa che Darwin faccia ritorno alla nave, il mozzo incontra diversi personaggi che gli svelano i segreti dell’evoluzione. Un fossile di dinosauro, una gallina, un pipistrello, un polpo, un cavalluccio marino, una formica, una tartaruga e infine un uomo manifesteranno le loro identità genetiche e storiche attraverso testimonianze dirette e musica; raccontandosi, doneranno al protagonista un tema musicale che si aggiungerà agli altri producendo una serie di variazioni sul tema principale, metafora dei cambiamenti evolutivi e delle costanti trasmesse in secoli di evoluzione, di selezione ed evoluzione della vita. Sarà il mozzo che, alla fine, in questo percorso musicale e teatrale all’insegna di tema e variazioni, scoprirà la teoria dell'evoluzione che servirà a Darwin per scrivere il celebre trattato "L'origine delle specie".

Il progetto di Tecnologia Filosofica è coordinato da un'equipe professionale che opera da tempo nel campo della danza, del teatro, della musica e delle arti performative: Aldo Torta, Francesca Cinalli, Paolo De Santis, Elena Valente, Stefano Botti, Renato Cravero, Francesca Brizzolara, Riccardo Maffiotti, Marco Amistadi animano la vita del collettivo, coadiuvati da uno staff di collaboratori artistici e tecnici diversi, impegnati nelle differenti progettualità del gruppo.Una comunità di artisti tra ricerca, sperimentazione, impegno e innovazione dei linguaggi, ai confini fra teatro e danza. Una predilezione particolare per il lavoro sul corpo e sulla presenza, nell’idea di un teatro concepito come atto totale. Il gruppo, attivo dal 2000, opera con continuità professionale riconosciuta dalla Regione Piemonte ex l.68. Nel triennio 2015-17, Tecnologia Filosofica è partner di "Silence in the Dance Landscape", rete nazionale sull'inclusione sociale coordinata da Carovana_Cagliari nell'ambito delle Azioni Trasversali Mibact

Paolo Cascio Parallelamente agli studi di pianoforte e composizione presso il Conservatorio “G. Verdi” di Torino, ha studiato a Torino, Madrid e Chicago, ottenendo un dottorato di ricerca in Musicologia. E’ autore di saggi ed edizioni critiche di opere italiane e ha collaborato con Direttori d’orchestra quali Riccardo Muti, Alessandro De Marchi e registi quali Francesco Micheli e Davide Ferrario. In forza al Teatro Regio dal 2013 (da settembre 2019 Segretario Artistico), è Dramaturg del Donizetti Opera Festival ed ha collaborato, tra le varie istituzioni, con la Royal Opera House di Muscat, l’Innsbrucker Festwochen der Alten Musik, e Sky Classica HD. Per la sua attività di ricerca e diffusione del patrimonio musicale operistico italiano è stato nominato Cavaliere della Repubblica dell’Ordine della Stella d’Italia. Per la sua attività di ricerca e diffusione del patrimonio musicale operistico italiano è stato insignito del titolo di Cavaliere della Repubblica Italiana. 

La Stagione SCENE 2019/2020 è stata realizzata con il sostegno della Compagnia di San Paolo nell’ambito dell’edizione 2019 del bando “Performing Arts". Con SCENE l’Istituto Musicale Città di Rivoli G.Balmas in partenariato con il Teatro Fassino di Avigliana e l'associazione Revejo è entrato a far parte di PERFORMING +, un progetto per il triennio 2018-2020 lanciato dalla Compagnia di San Paolo e dalla Fondazione Piemonte dal Vivo con la collaborazione dell’Osservatorio Culturale del Piemonte, che ha l’obiettivo di rafforzare le competenze della comunità di soggetti non profit operanti nello spettacolo dal vivo in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta

rivolimusica@istitutomusicalerivoli.it

tel. 0119564408

Lu-ve 14:00 -19:00

Sab 10:00 – 12:30

Biglietti disponibili su www.vivaticket.it

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop