Torino News

TORINO, 20 February 2020

Teatro L'anima buona del Sezuan: Elena Bucci e Marco Sgrosso riscoprono la fiaba cinese di Brecht al Teatro Astra Torino

da mercoledì 19 a domenica 23 febbraio 2020

l_anima_buona_del_sezuan_elena_bucci_e_marco_sgrosso_riscoprono_la_fiaba_cinese_di_brecht_al_teatro_astra_torino_news_torino_torino_piemonte
Condividi

Una presenza gradita tra gli spettacoli ospiti della Stagione TPE 19.20: Elena Bucci e Marco Sgrosso portano in scena da mercoledì 19 a domenica 23 febbraio 2020 al Teatro Astra L’anima buona del Sezuan di Bertolt Brecht, autore che oggi è ormai una rarità veder rappresentato in Italia. 

Scritto fra il 1938 e il 1940, L’anima buona del Sezuan è una fiaba divertente e amara di ambientazione cinese, parabola antica e attuale irta di domande intorno al bene e al male, in cui Brecht trasforma in epica e poesia i grandi movimenti della storia, della politica, dell’etica. Lo spettacolo vede l’elaborazione drammaturgica e l’interpretazione di Elena Bucci – che cura anche la regia – e di Marco Sgrosso.

Elena Bucci
ha vinto recentemente tutti i più prestigiosi premi teatrali: Ubu, Duse e Hystrio/Anct. Con Marco è erede diretta della poetica e del teatro di Leo De Berardinis e insieme stanno trovando conferme sempre più ampie al loro lavoro. Assieme a loro sul palcoscenico Maurizio Cardillo, Andrea De Luca, Nicoletta Fabbri, Federico Manfredi, Francesca Pica, Valerio Pietrovita e Marta Pizzigallo e Christian Ravaglioli che esegue le musiche originali dal vivo; il disegno luci è di Loredana Oddone, la cura e la drammaturgia del suono di Raffaele Bassetti, le scene in legno e le maschere di Stefano Perocco di Meduna. L’anima buona del Sezuan è prodotto dal Centro Teatrale Bresciano ed Ert - Emilia Romagna Teatro Fondazione, con la collaborazione artistica de Le belle bandiere.

 

Tre Dei confusi, ingenui e pasticcioni, vagano sulla terra in cerca di un’anima buona per dimostrare che il mondo non è sbagliato come si dice ed evitare così il faticoso compito di cambiarlo. Giunti nella capitale del Sezuan, cercano un rifugio per la notte e chiedono aiuto all’acquaiolo Wang, piccolo imbroglione dal cuore buono che li attendeva con ansia, ma soltanto Shen-Tè, generosa e povera prostituta, accetterà di accoglierli, ricevendo in premio una ricompensa di mille dollari d’argento, con i quali potrà cambiare vita e acquistare una piccola tabaccheria.

 

Di fronte all’assalto avido e cattivo di una schiera di approfittatori insaziabili, Shen-Tè, interpretata da Elena Bucci, si rivelerà però troppo debole e comprensiva: per non soccombere, sarà costretta a farsi sostituire dal cugino Shui-Tà, cinico e inflessibile affarista che trasforma il negozietto in una manifattura. In questo allestimento l’apparire e scomparire di Shen-Tè e Shui-Tà coinvolge anche gli altri attori che assumono su di sé le identità di diversi personaggi, a partire da Marco Sgrosso, che interpreta sia l’affettuoso acquaiolo Wang che l’opportunista aviatore Yang Sun di cui Shen-Tè si innamora, sviluppando una caleidoscopica vicenda fino al sorprendente epilogo dove gli smascheramenti si susseguono e l’accorata richiesta di aiuto di Shen Tè – come si può essere buoni per sé e per gli altri? - provoca una imprevista reazione degli Dei e apre uno spiraglio di speranza.

 

Lo sguardo lucido e profetico di Brecht immette nella drammaturgia questioni politiche e interrogativi etici e - con i toni di una fiaba dolce e amara, in bilico tra tragedia e burla - induce a riflettere sul sentimento del bene e del male, ma anche sul senso e la funzione del teatro e dell’arte. La scrittura scenica è sospesa tra canto, parlato, movimento e si intreccia alla musica dal vivo, mentre - attraverso l’uso di maschere senza tempo e di palchetti da commedia che diventano palafitte, stanze, rifugi, città - la compagnia si impegna in una vertiginosa danza con questa favola attuale che risveglia domande brucianti sul presente, ambientata in una Cina fantastica che assomiglia tanto al nostro mondo  dove rapidi mutamenti creano nuove ricchezze e nuove povertà, chiusure ed aperture, coraggio e paura.

 

 

Rai Archive Alive!, dalle Teche Rai il Brecht di Strehler

 

Proiezioni e approfondimenti culturali televisivi e radiofonici ispirati agli spettacoli in cartellone nella Stagione TPE.   In collaborazione con Università degli Studi di Torino, Rai Teche – Mediateca di Torino- Ingresso libero: info e prenotazioni 011 8104858, mediateca.torino@rai.it.

 

Lunedì 17 febbraio 2020, ore 18

Giorgio Strehler mette in scena l’Opera da Tre Soldi, regia di Carlo Battistoni - 1974 (durata 1h 08’), preceduto da un breve filmato biografico su Bertolt Brecht. Introduce Sergio Ariotti.

 

______________

 

Lo spettacolo

19-23 febbraio 2020

h 21; merc h 19.30; dom h 17

Teatro Astra, via Rosolino Pilo 6 – Torino

 

L’anima buona del Sezuan

di Bertolt Brecht

 

Traduzione di Roberto Menin

Progetto ed elaborazione drammaturgica Elena Bucci, Marco Sgrosso

 

Regia di Elena Bucci

con la collaborazione di Marco Sgrosso

 

Con Elena Bucci, Marco Sgrosso, Maurizio Cardillo, Andrea De Luca, Nicoletta Fabbri, Federico Manfredi, Francesca Pica, Valerio Pietrovita, Marta Pizzigallo

Disegno luci Loredana Oddone

Musiche originali eseguite dal vivo Christian Ravaglioli

Cura e drammaturgia del suono Raffaele Bassetti

Macchinismo e direzione di scena Viviana Rella

Supervisione ai costumi Ursula Patzak in collaborazione con Elena Bucci

Scene e maschere Stefano Perocco di Meduna

 

Una coproduzione CTB Centro Teatrale Bresciano - ERT Emilia Romagna Teatro Fondazione

Collaborazione artistica Le belle bandiere

 

Durata: 150 minuti (con intervallo)

 

 

Biglietti

 

INTERO: 25,00 €

RIDOTTO: 17,00 €

UNDER 30: 10,00 €

Info, biglietti e abbonamenti: www.fondazionetpe.it 

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop