Musica TYING TIFFANY: da gennaio 2011 nuova serie di date

tying_tiffany_da_gennaio_2011_nuova_serie_di_date_news_nazionale_nazionale_nazionale
Condividi
Inizia l'anno con una serie di date del fortunato tour che Tying Tiffany sta portando avanti per promuovere il nuovo disco Peoples Temple, l'artista di base a Bologna avrà in serbo molte novità per quest'anno in particolare alcune apparizioni all'estero.
Tying Tiffany inizia la sua attività nel 2005 a seguito di una irresistibile facinazione per la musica elettronica e, subito, la prestigiosa label Get Physical di Berlino si interessa alla sua musica e le chiede "You Know Me" per inserirla nella compilation "Full Body Workout vol 2". La sua opera prima "Undercover" datata 2005 ha la forza di un "concept album", uno strabiliante condensato citazionista: cavalcate disco alla Moroder, arpeggi di synth selvaggi, riff di chitarre sferraglianti, ritmiche hardcore ed electro arrivate direttamente dagli anni '80 e 90 convivono con il passato di Tiffany da dj EBM e con la sua passione per l'industrial, il dark e il punk. Il disco suscita grande interesse di critica e pubblico. Per promuovere l' album TT parte in tour e ha la possibilità di esibirsi nei migliori club internazionali, da quelli rock a quelli di elettronica, condividendo il palco con nomi quali Iggy Pop, Gogol Bordello, Pennywise, The Rapture, Buzzcocks, Stereo Total, Eels, Deus, Tiga, e Alec Empire con il quale farà un mini tour nel 2008. Sul palco del NME si fa notare dalla I Scream Records, etichetta di New York, che pubblicherà il suo secondo album "Brain for Breakfast" ricco di collaborazioni, tra cui Liquido, Pete Namlook e Nic Endo.Seguirà un tour di 80 date in Europa. Tanti i riconoscimenti dalla stampa internazionale , mentre in Italia vince il premio PIVI Miglior Soggetto con il videoclip di Pazza, primo e unico brano cantatoin italiano.Intanto il video di "Slow Motion" con il remix di Nic Endo (Atari Teenage Riot), entra nei circuiti televisivi musicali in Europa e Asia. Al Moonlight Festival 2009 chiude il tour e si prepara per lavorare a Peoples Temple ,il terzo album. Suona il basso ed è un'apprezzata DJ . Meritano una citazione particolare le cover live di "Io sto bene" dei CCCP e "Orrore" delle Kandeggina Gang.
E' finalmente arrivato l'album che tutti i fan di Tying Tiffany hanno sempre desiderato e atteso con trepidazione. Peoples Temple, terzo lavoro della nostra elegante dark lady, è pronto per deflagare in tutta la sua seducente potenza anthemica. Perchè, attenzione, stiamo parlando di canzoni con melodie killer che non vi abbandoneranno troppo in fretta.
TT è cresciuta moltissimo e riesce a realizzare un album in cui ridefinisce i pattern propri del dark e della new wave degli 80ies alla luce del suo originale modo di intendere il pop: confortevole e innovativo al tempo stesso.
Se ne è accorta l'etichetta tedesca Trisol, label che si è da sempre caratterizzata nel rappresentare il lato oscuro della alternative music al di là delle differenze di genere.
Peoples Temple è un album dark (così come potrebbe essere definito dark Metropolis di Fritz Lang) in cui TT si muove con disinvoltura e originalità.
Peoples Temple è figlio dei nostri tempi, Il titolo è un esplicito riferimento allla setta pseudoreligiosa guidata da Jim Jones che, il 18 novembre 1978, si rese protagonista della più grossa strage di civili per cause non naturali prima dell'11 settembre 2001; Jim Jones ordinò alla propria congregazione di bere una bevanda al cianuro che provocò la morte di 918 persone tra cui più di 270 bambini.
L'evento è di per sè una pretesto che TT utilizza per estendere la sua personalissima osservazione, al mondo in cui viviamo e alla spasmodica ricerca di qualcosa (qualsiasi) in cui credere per trovare un senso alla propria esistenza.
Alla mancanza di capacità critica e all'ignoranza dilagante che fanno capitolare una intera generazione in presenza del primo imbonitore di turno.
Alla decadenza inarrestabile di modelli culturali che ci vede (in)consapevoli protagonisti di uno schema in cui la massima espressione del libero arbitrio si concretizza tra le mura dell'ipermercato più attraente.
Peoples Temple, vede la partecipazione del musicista svedese Fè (One Breath) e della musicista e produttrice Costanza Francavilla (Cecille) ed è stato prodotto da Lorenzo Montanà che ha recentemente pubblicato "Black Ivy" album di elettronica su Fax, l'etichetta di Pete Namlook.

14-01-2011 Lokomotiv - Bologna
15-01-2011 Tambourine - Seregno (MI)
21-01-2011 La Marna - Sesto Calende (VA)
22-01-2011 Meating (Ex Macello) - Savona
28-01-2011 Ex Cinema Aurora - Livorno
29-01-2011 Calamita - Reggio Emilia



Info. www.hubmusicfactory.com

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop