Storico LABORATORIO MUSICALE DEL GRAAL

laboratorio_musicale_del_graal_news
Condividi
Mercoledi' 9 Marzo 2005, Teatro Nuovo. Un viaggio in musica, poesia, immagini

Con Rosalba Nattero
e con: Giancarlo Barbadoro, Luca Colarelli,
Andrea Lesmo, Gianluca Roggero

Regia di Stefano Milla

Scenografie di Angela Betta Casale


Partecipano i Cavalieri della Commenda
e il Gruppo di Danza Triskel

Interverrà Giampiero Leo
Assessore alla Cultura e all'Istruzione della Regione Piemonte

"Una griffe illustre e seria, che basa il proprio spettacolo su una ricerca tanto appassionata quanto profonda e rigorosa nei confronti delle radici del suono nordico, ma pure delle altre tradizioni millenarie che rimandano al rapporto diretto tra uomo, terra, strumento, rito e spiritualità. Fondato da Rosalba Nattero, il Laboratorio accoglie anche l'arte poetica di Giancarlo Barbadoro, che punteggia con le sue parole lo scorrere della materia musicale. Scozia, Irlanda e Bretagna, dunque, ma pure area occitana, suggestioni in arrivo dai paesi Baschi e un importante percorso di avvicinamento alla cultura dei Nativi americani, compongono la geografia che quelli del Graal raccontano con originalità e perfezione strumentale."Paolo Ferrari - La Stampa

Ingresso 10 euro

In collaborazione con: Ecospirituality Foundation Onlus



Per informazioni: tel. 011.530.846 www.labgraal.org
Prevendita presso la Grotta di Merlino, Piazza Statuto 15 - Torino

Il ricavato verrà devoluto all'associazione Onlus "Gli Amici di Valentina"
per i malati di Atassia Telangiectasia, rara malattia infantile
I Viandanti del Graal
IL VIAGGIO CONTINUA

La musica celtica sarà protagonista, inserita nella suggestiva cornice dello scenario costituito dalle proiezioni su multischermo di Stefano Milla, dalle scenografie di Angela Betta Casale,
dalle rappresentazioni degli attori.


Dopo il successo dello spettacolo "Nel segno del Graal" al Piccolo Regio, il Laboratorio Musicale del Graal, diretto dal regista Stefano Milla, ha dato vita ad una nuova rappresentazione, riprendendo la narrazione dal punto in cui si era concluso lo spettacolo precedente.
Se il primo trattava del mito della creazione e delle battaglie degli Dei che hanno dato vita alla storia dell'uomo, questo nuovo spettacolo intende rappresentare il cammino del Cavaliere, viandante alla ricerca del Graal, guidato dall'insegnamento della Spada. Un percorso mistico e insieme un'epopea che ha visto momenti di grande splendore e di oscuri abissi. Il tutto sempre guidato dalla luce dell'evoluzione rappresentata dal mito del Graal.



Laboratorio Musicale del Graal

Uno dei gruppi italiani di musica celtica che si è conquistato, a pieno diritto, un posto di rilievo nel panorama musicale italiano, una formazione di cinque musicisti spesso impegnati nella difesa delle minoranze culturali, nelle battaglie legate alla difesa dell'ambiente e dei diritti degli animali, nelle iniziative per la Pace.
Il Laboratorio Musicale del Graal nasce attorno a Rosalba Nattero, una delle voci più limpide e incisive del panorama musicale celtico. Voce solista e ispiratrice del gruppo, ricercatrice, oltre che interprete, di musica dell'antico folklore popolare, Rosalba Nattero ha attuato un percorso di ricerca musicale che l'ha portata a contatto con le tradizioni dei popoli tribali del pianeta e soprattutto con la tradizione celtica, di cui è appassionata da sempre.
Il gruppo ha al già suo attivo 4 CD e un singolo: "In The Stone Circle", "Samain" , "Northern Wind" e l'ultimo uscito "Sacred Land", quattro raccolte di musica irlandese, scozzese, bretone in cui il gruppo ha riversato l'esperienza musicale fatta nei paesi di area celtica, da cui attinge per il suo lavoro, e il singolo "Mother Earth People" inciso con Daniel Zapata, in cui la musica celtica si incontra con le sonorità pellerossa. Di imminente uscita è il nuovo cd "Mother Africa", colonna sonora del documentario "Ikonda".
Il Laboratorio Musicale del Graal si è esibito nelle maggiori rassegne musicali di respiro italiano ed europeo ottenendo sempre un grande successo di critica e di pubblico. Ne sono un esempio il Fest-Noz di Carnac, Bretagna, le tre edizioni del Festival Celtique di Aosta, la rassegna Fairylands di Guidonia, Colonia Sonora di Collegno, le due ultime edizioni della Festa Europea della Musica a Roma, il Festival Mind Body & Spirit di Londra, la partecipazione a "Meridemusica" nel Canton Ticino, le due edizioni di "Irlanda in festa" svoltesi a Torino, la rassegna europea "Musica in Castello" presso il Castello di Vigevano, le esibizioni ai Saloni della Musica torinesi, le numerose partecipazioni a rassegne musicali e culturali in Liguria, Piemonte e Valle d'Aosta, i concerti presso prestigiose rassegne romane, o le rievocazioni storiche presso antichi castelli e borghi medievali.
Il lavoro del Laboratorio Musicale del Graal si estende anche al teatro: in collaborazione con il regista Stefano Milla il gruppo ha realizzato uno spettacolo musicale-teatrale portato in scena con successo al Teatro Piccolo Regio di Torino, esperienza che prosegue con il Teatro Nuovo di Torino.
La formazione musicale della band è avvenuta a contatto con i luoghi che maggiormente l'hanno ispirata in campo artistico: Scozia, Irlanda, Bretagna, suonando nei Ceilidh (feste celtiche) insieme a musicisti del posto. La nascita ufficiale del gruppo è avvenuta a Londra nel 1986, in occasione della manifestazione "Mind, Body & Spirit", dove il Laboratorio Musicale del Graal ha presentato una rassegna di musica folk. L'idea del gruppo musicale tuttavia era già nata alcuni anni prima, dall'incontro degli interessi di Rosalba Nattero con quelli di Giancarlo Barbadoro, che si univano nella comune ricerca sul Graal.
Nel Laboratorio Musicale del Graal si delineavano così, fin dalla sua nascita, le due anime che oggi lo contraddistinguono, una riferita all'espressione creativa della musica popolare e l'altra alla poesia del contatto con la natura. In seguito si sono aggiunti Andrea Lesmo, bouzuki e tastiere, Luca Colarelli, cornamusa, arpa e chitarra, e Gianluca Roggero, percussioni, con i quali è scaturita una profonda e appassionante collaborazione non solo musicale, che è sfociata nell'attuale formazione. Nel gruppo Giancarlo Barbadoro partecipa in qualità di flautista e di poeta arricchendo il lavoro del Laboratorio di un aspetto intimista e interiorizzante.

Rosalba Nattero: Voce solista
Giancarlo Barbadoro: Flauti, Poesie
Luca Colarelli: Cornamusa, Chitarra
Andrea Lesmo: Bouzuki, Tastiere
Gianluca Roggero: Tamburi

www.labgraal.org


E' nato un nuovo movimento culturale

Il Laboratorio Musicale del Graal, insieme a musici, scrittori, pittori, poeti, registi, ha dato vita ad un nuovo movimento culturale che è stato battezzato "Nel segno del Graal". L'intento del movimento è quello di mantenere vive le radici culturali dell'antica tradizione europea e con esse i valori dell'uomo nel suo rapporto con la natura.
Il progetto collega insieme iniziative artistiche diverse, unite da una serie di valori e di impegni. Questi valori si ispirano ad un manifesto di cui gli Artisti sono firmatari, che parla del rispetto per la natura e per ogni forma vivente; della difesa delle culture native del pianeta ed in particolare della rivalutazione delle origini celtiche d'Europa; della libertà di ricerca senza vincoli di dogmi o pregiudizi; della fratellanza fra genti e specie; della necessità di un contatto mistico, diretto e personale, con il mistero dell'esistenza.

Dal Manifesto del movimento culturale "Nel Segno del Graal":

"Siamo viandanti alla ricerca del Graal e nel nostro cammino non vogliamo essere imprigionati da pregiudizi o dogmi di nessun genere"

"Il nostro è un gesto di amore, di libertà e di sfida: sfida a tutto ciò che vuole imbrigliare la creatività, la fantasia, le idee, il rispetto per ogni essere vivente."



Stefano Milla

Il regista Stefano Milla partecipa per la prima volta ad un Festival cinematografico nel 1985.
In seguito collabora a diverse produzioni indipendenti in qualità di attore e aiuto regia.
Nel 1993, il suo lungometraggio video "Armaghedon", ottiene la distribuzione in home-video. Dagli anni successivi ad oggi, conquista vari premi e menzioni speciali presso diversi Festival cinematografici europei realizzando numerosi cortometraggi, ottenendo la distribuzione presso i maggiori network.
Nel 1997 la sua passione per il medioevo si unisce alla sua professione, girando il cortometraggio "Dies Irae" di cui è anche protagonista. L'anno successivo realizza un altro cortometraggio di ambientazione medievale che gli consente, nel 1999, di ottenere finanziamenti pubblici per la produzione del suo primo lungometraggio in pellicola: "La Via della Gloria".
La collaborazione con il Laboratorio Musicale del Graal inizia proprio con il film "La Via della Gloria", nella cui colonna sonora spiccano alcuni brani eseguiti dal gruppo. Il film esordisce nelle sale cinematografiche nel 2002, partecipando al Premio David di Donatello e Ciak d'Oro.

Angela Betta Casale

Le scenografie dello spettacolo "I viandanti del Graal, il viaggio continua" sono curate da Angela Betta Casale, uno spirito libero con la vocazione per l'arte. Dopo gli studi artistici si dedica alla carriera di grafico, ma nel suo cuore c'è la pittura.
Incontra Amerigo Carella e diventa sua allieva.
Ora si dedica totalmente alla sua arte. Lo fa con la sua tecnica peculiare: suggestioni pittoriche emanate da antichi muri testimoni di vite trascorse, da legni segnati dal tempo e dalle mani di coloro che li hanno posseduti. Ed è qui che il grande amore dell'artista per la cultura celtica e medievale trova spazio ideale di espressione creativa.
Tra i bagliori dell'oro e le profondità ombrose di medievali androni appaiono sguardi che catturano raccontando storie fiabesche che fanno vibrare, sommesse, le corde dell'anima.

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop